Finlandia Hiito

dezluc
Messaggi: 74
Iscritto il: 16 gen 2007, 18:40

Messaggioda dezluc » 11 mar 2015, 11:45

Siccome la vita talvolta è la somma di alcune fortunate coincidenze ho scoperto che sia io che un amico piemontese avremmo l'intenzione di partecipare alla Finlandia Hiito del 2016. Lui mi aiuterebbe a risolvere le problematiche logistiche, qualcuno di voi sa se c'è la ressa tipica di queste gran fondo per quanto riguarda le iscrizioni on-line oppure la cosa è più gestibile? Naturalmente farei la 50 in classico

massimo pres'8
********
Ciao, fatta quest'anno con un bel gruppo di amici.
Nessun problema per le iscrizioni (puoi farlo anche il giorno della gara).
L'unica accortezza.. se la fai presto paghi meno (entro maggio mi sembra 65 euro, il giorno della gara 100).
Bella gara , bel percorso (circa 2000/3000 mila persone).... peccato per la poca neve.
Emozionante perchè si parte e si arriva nel mitico stadio di Lahti.
Unica pecca ... pochissimo pubblico in partenza /arrivo
ciao




Scritto Da - dezluc on 11/03/2015 10:46:28

Scritto Da - dezluc on 11/03/2015 10:48:41

mapresot
Messaggi: 661
Iscritto il: 31 gen 2008, 19:25

Messaggioda mapresot » 11 mar 2015, 11:58

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Ciao, fatta quest'anno con un bel gruppo di amici.
Nessun problema per le iscrizioni (puoi farlo anche il giorno della gara).
L'unica accortezza.. se la fai presto paghi meno (entro maggio mi sembra 65 euro, il giorno della gara 100).
Bella gara , bel percorso (circa 2000/3000 mila persone).... peccato per la poca neve.
Emozionante perchè si parte e si arriva nel mitico stadio di Lahti.
Unica pecca ... pochissimo pubblico in partenza /arrivo
ciao




Scritto Da - dezluc on 11/03/2015 10:46:28

Scritto Da - dezluc on 11/03/2015 10:48:41
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>


Grazie !! allora il primo maggio mi iscrivo

massimo pres'8

mapresot
Messaggi: 661
Iscritto il: 31 gen 2008, 19:25

Messaggioda mapresot » 6 mag 2015, 15:20

Iscritto!! ho già il pettorale, tramite un amico di Torino albergo e volo, mancano 10 mesi ma ho pazienza...


massimo pres'8

ghizlo
Messaggi: 416
Iscritto il: 22 dic 2005, 17:08

Messaggioda ghizlo » 6 mag 2015, 23:02

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>

mancano 10 mesi ma ho pazienza...

<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

<img src=faccine/2.gif border=0 align=middle>

gzappa
Messaggi: 40
Iscritto il: 23 mar 2012, 18:26

Messaggioda gzappa » 12 giu 2015, 16:43

Ciao Massimo,
mi sono iscritto ieri sera con un amico.
Pettorale 1516.
Prenotato aereo ed hotel.
Manca solo il transfer dall'aeroporto a Lahti. Ma per quello c'è tempo.
buona estate.


gianni

migly
Messaggi: 1548
Iscritto il: 25 dic 2004, 11:53

Messaggioda migly » 13 giu 2015, 9:04

date???

Mat.

www.migly.it

mapresot
Messaggi: 661
Iscritto il: 31 gen 2008, 19:25

Messaggioda mapresot » 13 giu 2015, 18:13

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
date???

Mat.

www.migly.it


<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>


Io parto il 25 febbraio, ho la gara il 27 e rientro il 28...

Gianni hai il nome dell'Hotel ?


massimo pres'8

gzappa
Messaggi: 40
Iscritto il: 23 mar 2012, 18:26

Messaggioda gzappa » 16 giu 2015, 15:48

Solo Sokos Hotel di Lahti.
Anche per me partenza 25 e ritorno il 28 con gara il 27 in classico.
Massimo, pensavo tu facessi anche quella in skating della domenica.

gianni

20/80
Messaggi: 543
Iscritto il: 24 set 2005, 22:00

Messaggioda 20/80 » 18 giu 2015, 19:46

Ciao,
da qualche parte sul forum dovrebbe esserci ancora il commento di quando l'avevo fatta, quasi dieci anni fa.
Per quel che ricordo e se non sono cambiate le cose:
- percorso non difficile, ma non è piatto; in tanti punti la pista è abbastanza stretta;
- posti di rifornimento limitati al necessario, stile scandinavo;
- trasferimento dall'aeroporto: sono circa 120 km, la ferrovia è comodissima;
- escluderei il noleggio auto, se non avete velleità turistiche, anche perchè il Sokos hotel è a pochi minuti dallo stadio;
- non preoccupatevi della sauna all'arrivo, tanto vale farla in albergo.

mapresot
Messaggi: 661
Iscritto il: 31 gen 2008, 19:25

Messaggioda mapresot » 19 giu 2015, 1:49

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Solo Sokos Hotel di Lahti.
Anche per me partenza 25 e ritorno il 28 con gara il 27 in classico.
Massimo, pensavo tu facessi anche quella in skating della domenica.

gianni
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>



Gianni tu hai troppe aspettative su di me...la cosa mi potrebbe essere piaciuta, ma ti garantisco che al di là delle questioni organizzative e logistiche, l'idea di fare la skating non mi è mai passata per la testa...forse perchè non riesco a collegare la Scandinavia ad altri stili che quello alternato...

massimo pres'8

albecort
Messaggi: 10
Iscritto il: 5 feb 2013, 11:48

Messaggioda albecort » 2 ott 2015, 11:03

Ciao a tutti.
Per ora ho prenotato solo l'hotel. Per la verità ho prenotato due camere una singola ed una doppia, al Kauppaotelli, dal 25 al 28 febbraio.
Se non ho capito male si trova a circa 1 km dallo stadio.
Al momento sono solo però se ci fosse qualcuno interessato potremmo condividere la camera riducendo i costi.
La doppia costa € 280,00, colazione compresa.
Avendo prenotato con booking.com ho la possibilità di annullare una delle due prenotazioni fino al giorno prima della partenza.
Se a qualcuno interessa si faccia vivo al più presto.
Grazie

Alberto

mapresot
Messaggi: 661
Iscritto il: 31 gen 2008, 19:25

Messaggioda mapresot » 18 feb 2016, 10:31

Allora chi c'è del forum che sarà a Lahti? Comunicazione dell'ultim'ora, la gara principale è stata accorciata a 42 km

massimo pres'8

rosqua
Messaggi: 2287
Iscritto il: 26 nov 2010, 11:31

Messaggioda rosqua » 18 feb 2016, 10:50

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Allora chi c'è del forum che sarà a Lahti? Comunicazione dell'ultim'ora, la gara principale è stata accorciata a 42 km

massimo pres'8
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

problemi di neve anche lì?! a me piacerebbe farla prima o poi...


----------------------
e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia

mapresot
Messaggi: 661
Iscritto il: 31 gen 2008, 19:25

Messaggioda mapresot » 18 feb 2016, 13:32

problemi di neve anche lì?! a me piacerebbe farla prima o poi...


[/quote]

pare di si, putroppo, però almeno (sempre che a lungo termine le previsioni siano attendibili) pare che almeno non ci sarà la poltiglia immonda della Vasa 2015

massimo pres'8

mapresot
Messaggi: 661
Iscritto il: 31 gen 2008, 19:25

Messaggioda mapresot » 27 feb 2016, 18:41

Beh ragazzi è andata. Percorso bellissimo e impegnativo, neve fantastica, freddo, atmosfera estremamente rilassata, partenza a
gruppi col mio (l'ultimo della 42) fatto di gente molto tranquilla, nessun intasamento, pochi punti impegnativi. Un consiglio, da fare,

massimo pres'8

ghizlo
Messaggi: 416
Iscritto il: 22 dic 2005, 17:08

Messaggioda ghizlo » 28 feb 2016, 16:23

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Beh ragazzi è andata. Percorso bellissimo e impegnativo, neve fantastica, freddo, atmosfera estremamente rilassata, partenza a
gruppi col mio (l'ultimo della 42) fatto di gente molto tranquilla, nessun intasamento, pochi punti impegnativi. Un consiglio, da fare,

massimo pres'8
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Complimenti!

Quando torni vorrei leggere il tuo resoconto dettagliato...!

<img src=faccine/1.gif border=0 align=middle>

migly
Messaggi: 1548
Iscritto il: 25 dic 2004, 11:53

Messaggioda migly » 28 feb 2016, 17:13

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Beh ragazzi è andata. Percorso bellissimo e impegnativo, neve fantastica, freddo, atmosfera estremamente rilassata, partenza a
gruppi col mio (l'ultimo della 42) fatto di gente molto tranquilla, nessun intasamento, pochi punti impegnativi. Un consiglio, da fare,

massimo pres'8
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Eh già...
E tu non penserai mica di cavartela con queste due righe, vero?
Facciamo finta di credere che dipenda dalla stanchezza e da una connessione web precaria, ti diamo il tempo di rientrare a Spilimbergo ma poi PRETENDIAMO un resoconto ampio e dettagliato.
<img src=faccine/7.gif border=0 align=middle>
Con la schiena come va?

Mat.

www.migly.it

rosqua
Messaggi: 2287
Iscritto il: 26 nov 2010, 11:31

Messaggioda rosqua » 29 feb 2016, 15:54

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Beh ragazzi è andata. Percorso bellissimo e impegnativo, neve fantastica, freddo, atmosfera estremamente rilassata, partenza a
gruppi col mio (l'ultimo della 42) fatto di gente molto tranquilla, nessun intasamento, pochi punti impegnativi. Un consiglio, da fare,

massimo pres'8
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

E bravo Massimo, alla faccia del mal di schiena <img src=faccine/2.gif border=0 align=middle>
Dai racconta.. come sarebbe che non ci sono punti impegnativi, allora la discesa finale l'hanno tolta?

----------------------
e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia

mapresot
Messaggi: 661
Iscritto il: 31 gen 2008, 19:25

Messaggioda mapresot » 29 feb 2016, 20:15

A grande richiesta… ;0)) ecco un resoconto più dettagliato dell’avventura finlandese.
Arrivati a Lahti il giovedì sera, con Franco (il mio tour operator personale) e la moglie Donatella il venerdì mattina ci avviamo verso lo stadio: io ho con me un paio di sci per provare la pista, Franco vuole farli sciolinare presso il “Race Office”. La sensazione è subito positiva, non c’è ressa, ritiriamo con tranquillità i pettorali ed il pacco gara (che poi c’è chi si lamenta di quello della Marcialonga) e facciamo una prima visita veloce agli stand che vendono materiale tecnico. Il confronto con quello della Vasa è impietoso, ma evidentemente i numeri sono di gran lunga inferiori.
Io mi avvio verso lo stadio e l’impatto è veramente emozionante: l’ho visto tante volte in tv ma dal vivo il complesso fa proprio impressione, con i tre trampolini sullo sfondo. Provo i primi quattro cinque km di pista per rendermi conto della situazione neve e sciolino con una viola vr45 della Swix che mi garantisce una buona tenuta tanto che uno dei tanti italiani che sono sulle piste riconoscendo il mio berretto della Dobbiaco-Cortina mi chiede che cosa ho messo, forse lui ha qualche difficoltà. Rientro allo stadio per il rettilineo che scoprirò essere quello immediatamente precedente le discese finali con sullo sfondo il trampolino grande che si staglia sul cielo grigio e faccio un “pellegrinaggio” al famoso tornante che immette allo stadio sulle piste agonistiche prima di togliere gli sci.
I vari siti di previsioni si sono uniformati su una giornata più fredda il giorno della gara, sabato 27, e così è, quindi dopo colazione preparo gli sci (che avevo già preparato applicando la base stick) con un leggero strato di vr 45 e due buone mani di blu vr40.
Alle otto nevica abbondantemente poi lentamente il tempo migliora. Alle nove e mezza ci avviamo verso lo stadio e con assoluta tranquillità accediamo al deposito dei sacchi vestiario dove indosso le scarpe e controllo che tutto sia a posto. Franco ritira gli sci ma lui ha ancora più tempo di me perché fa la “corta” di 32 km che parte alle 11. Io ho scelto saggiamente di partire col terzo gruppo della 42 che parte alle 10.30, alle 10.15 mi avvio verso l’entrata dello stadio dove trovo un po’ di coda che si scioglie subito appena aperto il cancello. Non corro per raggiungere la mia posizione ma comunque sono abbastanza avanti e l’atmosfera è molto rilassata. Nemmeno il tempo di partire e subito si affronta la prima salita ricavata in uno dei ponti costruiti per il mondiali 2017. I primi km sono piuttosto ondulati ed io mi attacco, fin che posso, alle “calcagna” di un giapponese che per accaparrarsi le simpatie del (poco) pubblico veste una tuta della Finlandia. Gli sci tengono in salita e sono sorprendentemente veloci in discesa dove recupero diverse posizioni. C’è un primo ristoro a sorpresa dopo 5 km dopo il quale la pista si restringe per un breve tratto. Finora si è sempre corso in mezzo al bosco, quando dopo una ripida e lunga discesa si esce sul primo spazio aperto ci stiamo avvicinando al ristoro del 10.mo kilometro dove lo speaker pronuncia sorprendentemente bene il mio nome. Il percorso comincia a salire con più continuità, poi una curva a gomito dove saggiamente i concorrenti aspettano che chi li precede affronti la successiva discesa in sicurezza comincia un bel tratto a due binari ma divertente con piccoli dossi e successive discese al termine di una delle quali ho il solito “momento del mona” e appoggio il sedere a terra. Nel frattempo è uscito il sole ed il cielo progressivamente si rasserena sempre di più, anche se la temperatura non sale, per fortuna. Nessun altro problema fino al ristoro del 20.mo km dove si incrociano i concorrenti che hanno già affrontato il tratto successivo come sempre piuttosto mosso, con salite non lunghissime ma piuttosto ripide e successive lunghe discese. Quando si ritorna all’altezza del ristoro comincia un lungo tratto più omogeneo, in lieve ma costante salita ed io, che ho già finito le mie scorte di carboidrati, comincio a patire la prima crisi. Il paesaggio si allarga e si alternano radure e tratti nel bosco, non così chiuso come all’inizio. Quando arrivo al ristoro del 30.mo km decido di prenderla comoda, mangio due pezzi di panino (pane nero con dentro spalmata margarina, almeno pare) e bevo, oltre che un po’ di Enervit, un dolcissimo e molto concentrato succo che mi pare di fragola, molto più gustoso del blablar al mirtillo della Vasa. Rinfrancato e rifocillato riparto con un’altra lena ed affronto con più decisione un tratto praticamente rettilineo che ricorda tratti analoghi alla Vasa, compresa una deviazione sulla destra che rende il percorso meno monotono. Ho al polso il mio fido Garmin che mi da anche l’altezza: siamo sempre intorno ai 150 metri ed essendo lo stadio sui 120 ed essendo arrivato agli ultimi km comincio a pensare che dovrebbe cominciare un po’ di discesa. Quando, secondo il mio parere dovrebbero mancare ormai quattro/cinque km si incontrano i primi segni di antropizzazione del paesaggio, in particolare una serie di fabbricati di nuova costruzione che non paiono però abitati. Quando credo di essere arrivato all’ultimo km una sorpresa: un cartello che indica 2 km alla fine…non è una mazzata ma una piccola delusione si, mitigata dalla visione, poco dopo un tratto comunque impegnativo con altre brevi ma ripide salite, del trampolino che si staglia ne cielo oggi azzurro alla fine di un rettilineo in costante lieve salita. All’altezza del trampolino la pista gira a destra, si comincia a vedere anche lo stadio e si affronta un ripido tornante e poi la discesa tanto temuta da Rosqua. Si passa sotto un sottopassaggio e siccome davanti a me sul binario ci sono un paio di concorrenti preferisco starmene fuori (decisione saggia visto che a detta di Donatella che faceva la spettatrice sono state molte le cadute in quel tratto). L’emozione dell’ingresso allo stadio è mitigata dall’attenzione con cui percorro questo tratto: mi ri-immetto nel binario appena entrato nello stadio ed all’altezza dell’ultima curva al fotografo che ci riprende con i trampolini alle nostre spalle grido “good shot, I will buy it…” e percorro gli ultimi cento metri con tranquillità. Non c’è l’atmosfera della Marcialonga, il pubblico è praticamente inesistente (c’è molta più ressa al vicino stadio del ghiaccio dove i locali “Pelicans” giocano in casa) e così pochi apprezzano il “telemark” con il quale taglio il traguardo dopo 43,5 km effettivi di gara in quattro ore e 27 minuti. Però sono molto soddisfatto lo stesso, mi sono divertito e goduto appieno un percorso impegnativo ma affascinante con una neve perfetta. Raggiungo la sede della gara nel grande fabbricato della fiera (dove è anche ricavato un campo di calcio in erba sintetica di misure quasi regolari) ritiro il mio sacco e mi cambio al caldo con estrema calma poi raggiunto da Franco che ha fatto un ottima gara sui 32 km piazzandosi nei primi 50 e andiamo insieme a mangiare. Per chi come me è reduce dal “Piatto Casies” la zuppa di patate e carne macinata con un bichiere d’acqua, uno di succo diluito di mirtilli e due fette di pane è un po’ misera ma va bene così. Ho concluso il mio personale trittico scandinavo e la stagione agonistica che all’inizio pareva a rischio. Meglio di così non poteva andare…

massimo pres'8

migly
Messaggi: 1548
Iscritto il: 25 dic 2004, 11:53

Messaggioda migly » 29 feb 2016, 20:54

Grande Massimo!
Mille grazie per il bel racconto, prima o poi la farò anche io...
:-)

Mat.

www.migly.it


Torna a “Finlandia Hiito”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite