Le donne e il fondo

Qui si possono avviare nuove discussioni che non trovano lo spazio adeguato nelle aree specifiche
snevolo
Messaggi: 3093
Iscritto il: 23 dic 2009, 0:52

Messaggioda snevolo » 4 feb 2011, 17:23

se ne è parlato alla bicchierata della marcialonga, aspettando stokke… poche donne, pochi giovani, come mai?
non c’è mai una sola causa all’origine di un fenomeno, si sa. per le donne certo pesa il doppio ruolo, lavoro e casa, lavoro in cui si investe sempre di più e figli che hanno esigenze sempre più complesse, il che preclude la possibilità di allenarsi con un minimo di costanza…
non a caso se guardiamo la light (teoricamente più alla portata di una donna seppure non troppo allenata) la fascia di età più presente è quella dei 50-59 anni, età nella quale i figli sono ormai autonomi e i mariti (se ci sono) sono meno assillanti (per ovvi motivi). Diciamo anche che è un’età in cui le donne sono meno prese dal pensiero degli uomini (sempre per ovvi motivi).
su 267 arrivate solo 59 hanno meno di 40 anni, e appartengono quindi all’età in cui il carico familiare è più impegnativo…

accanto alla difficoltà oggettiva di sostenere un programma di allenamento, bisogna considerare altri fattori più soggettivi, la donna italiana, di tutte le età, ci tiene molto alla cura del fisico, ma soprattutto in funzione estetica e anche seduttiva…ecco allora il gran numero di iscritte in palestra o a danza del ventre, ritenute attività più consone al modellamento delle forme femminili… d’altronde il guerriero-fondista, di ritorno dall’ortigara - per esempio -, preferisce che ad attenderlo ci sia un’odalisca ben depilata o una fondista stremata con i peli lunghi e le vesciche ai piedi?
sono solo alcuni spunti di riflessione...


********
Io preferirei un fondista stremata che ha condiviso con me l'Ortigara... del resto non credo al binomio fondista=pelosa/trascurata.
Si entra in un campo delicato in cui spero di non offendere il gentilsesso e premetto che non è mia volontà.
Penso che (in generale) sia più una questione di mentalità della donna italiana, che voglia essere emancipata dove vuole lei (vedi palestra) dove non rischi le tue gambettine in graffi da sport.
Ammiro la testa delle donne già solo a nord delle Alpi che non si fanno questi problemi e che aiuta il corpo e la testa ad essere meno gne-gne, almeno io non ho mai visto donne compreso le italiane, che fanno sport noiose.
Quindi un plauso alle nostre forumiste.
Mia moglie è la classica donna che "corre" tutto il giorno per la casa, lavoretti di pulizia, famiglia, cucinare, stirare... e quindi l'allenamento da fondista non ce l'ha proprio, ma quando va sugli sci i suoi Km. se li fa, tenendo conto che ha messo gli sci per la 1° volta a 27 anni. Per prenderla in giro gli dico che "ho sposato una tarona che sa sciare e non sa nuotare".
Diciamo che ci vuole qualcuno che ti spinge.

peter
Messaggi: 290
Iscritto il: 21 nov 2010, 19:51

Messaggioda peter » 4 feb 2011, 18:55

Io tre anni fa ho convinto la mia ragazza a provare, e sinceramente non mi aspettavo che le piacesse.
Invece si è divertita e da lì abbiamo iniziato ad andare spesso insieme.
Però lo fa più che altro per seguirmi, da sola non credo che andrebbe mai!
E ovviamente tutto a livello molto turistico, senza interesse alla velocità o ai dettagli tecnici

Stokkeloppet
Messaggi: 2459
Iscritto il: 4 nov 2005, 15:18

Messaggioda Stokkeloppet » 4 feb 2011, 19:44

Ecco quando non c'ero parlavate di donne poi sono arrivato e l'argomento principe è stata la klister viola<img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle>
Comunque sottolineando il fatto che il binomio fondista (o sportiva) = donna trasandata non è assolutamante veritiero, secondo me il numero ridotto di appartenenti al gentil sesso praticanti di determinati sport è legato a diverse cause, oltre a quelle citate da voi sicuramenti ci metterei anche un pò di "pigrizia ideologica", cioè la difficoltà che una donna prenda autonomamente l'iniziativa di cominciare. La maggior parte delle fondiste che ho conosciuto hanno iniziato o da piccole o un pò a rimorchio del fidanzato/marito, che poi magari hanno anche brillantemente surclassato<img src=faccine/7.gif border=0 align=middle>

lelebi
Messaggi: 140
Iscritto il: 9 ott 2006, 22:06

Messaggioda lelebi » 4 feb 2011, 20:20

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Ecco quando non c'ero parlavate di donne poi sono arrivato e l'argomento principe è stata la klister viola<img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle>
Comunque sottolineando il fatto che il binomio fondista (o sportiva) = donna trasandata non è assolutamante veritiero, secondo me il numero ridotto di appartenenti al gentil sesso praticanti di determinati sport è legato a diverse cause, oltre a quelle citate da voi sicuramenti ci metterei anche un pò di "pigrizia ideologica", cioè la difficoltà che una donna prenda autonomamente l'iniziativa di cominciare. La maggior parte delle fondiste che ho conosciuto hanno iniziato o da piccole o un pò a rimorchio del fidanzato/marito, che poi magari hanno anche brillantemente surclassato<img src=faccine/7.gif border=0 align=middle>


<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>
anche mia moglie ha cominciato con me, abbiamo preso lezione insieme. poi io sono stato più costante e sicuramente lei è meno presa di me da tutta la faccenda, a lei basta una bella giornata di sole e andare senza distruggersi. comunque è arrivata anche lei sull' Ortigara, dopo esserci stata a piedi e in mountain bike.

cris
Messaggi: 114
Iscritto il: 3 gen 2010, 18:10

Messaggioda cris » 4 feb 2011, 22:24

rispondo io che sono donna..
inanzitutto l italia parte da pincipio che il tema sport o dedicarsi allo sport gia ' in piccola eta' a scuola diventa difficile,eliminate i giochi della gioventu',e quello era un bel racccoglitore di talenti
1- sempre meno a parte la corsetta in palestra trovi qualche prof dinamico

2- c' e' anche il carattere soft delle donne , molte o poche non saprei dire ,che se non sono trainate da qualcuno non si lanciano un po' per paura o perche' compagni o similari non hanno la pazienza di avvicinarle a questo sport ..bisogna dargli un spintarella e poi sono cavoli...
3 . la tenacia di una donna sul campo e' molto superiore di quella maschile ,quindi il solo problema e' l avvicinamento e la pazienza di chi puo' indirizzarle a questo sport
bisogna anche dire che lo sci , giusto perche' si trova al nord ,giusto perche' la neve non c' e' da tutt le parti diventa difficilmente avvicinabile per molte persone donne specie
io ho scoperto lo sci tardissimo,a parma non era tra gli sport gettonati ,tra ciclismo mtb corsa piedi e nuoto mai avrei pensato a sciare ,e le lacune me le porto ancora adesso dietro..pero' solo il racconto entusiasmante di una persona chemi ha raccontato questa magica marcialonga mi ha scaraventato dalla strada delle 2 ruote allllo sci,ora amo la montagna con tutto il cuore insieme agli sci stretti<img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle>
4 e ultima cosa quando fai sport ti senti sempre piu bella aldila' delle faticate estreme ,e non credo che ci sia donna che non si curi ,non credo di rientrare in questa categoria, mi lavo i denti faccio i peli mi trucco mi pettino metto la crema antirughe idratante profumata ..insomma mi sembra di essere normale ancora... <img src=faccine/7.gif border=0 align=middle>

snevolo
Messaggi: 3093
Iscritto il: 23 dic 2009, 0:52

Messaggioda snevolo » 5 feb 2011, 8:27

Penso che il problema valga anche per i giovani, maschi e femmine, più abituati al compiuter, agli spazi chiusi che ai sacrifici.
E' più "in" fare dello step in ambiente ovattato che affrontare la natura.
I media non aiutano, anzi... ... ce le vedete le 3 di "Sexy in the city" rinunciare allo shopping per andare a pastricciarsi le dita con la klister?

snevolo
Messaggi: 3093
Iscritto il: 23 dic 2009, 0:52

Messaggioda snevolo » 5 feb 2011, 16:16

Mi è venuto in mente un post del 2009 che mi aveva fatto ridere.
E' stato scritto da uno che... chi allora frequentava il forum riconoscerà.
Lo riporto con un copia/incolla.

SE NE SENTONO,…SE NE VEDONO,…SE NE LEGGONO, di tutti i colori.

Ho accompagnato alcuni Soci dello S.C. “ Lo Struscio” della sedicente Sez.Sportiva del dopodegenza del P.A.T. ( Pio Albergo Trivulzio-Milano ) a Campra . La trasferta iniziò con qualche intoppo in quanto taluni, rivendicando una antica militanza negli Squadroni del Savoia Cavalleria, rivendicavano ogni poco il diritto al tradizionale “ ALT Piscio”.
Ma quel che ne è seguito ha ripagato questi piccoli patimenti.

Mi si è infiammata la gola per tutta l’aria gelida aspirata a bocca spalancata quando , attirato da un perentorio “ Schnell, Schnell”… mi son girato ed ho visto un signore equipaggiato “Carbonlite” che ridendo remava di braccia mulinando dei bastoncini di autentico bambù, lacci sottili in cuoio, ed una rotella grande come una nassa. Esilarante.

Ma subito dopo si è manifestato un coup de thèatre, ossia la chicca della giornata.
Con un sommesso bramito una Subaru Forester 4x4, con gomme da neve artigliate color tigrato, modello "LAST ONLY FOR ME” Exclusive Edition e targata CH (Compound Heaven), sorniona si ferma a bordo pista, e ne discende la Nordic Version di …. ” BRADANGELINA”.

Lei:
di azzurro “sverige” vestita, e trecce bionde a completare i colori nazionali sfoggiava una silhouette da sbavare, tanto da imporre un inequivocabile...ma“ VATTENFALL” stampato sulla schiena a beneficio dell’eventuale allupato suiveur.
Tasta il solco...per sicurezza,... era già trasformata, bagnatina, … ma Lei da ”Classica” consumata lo aveva già capito ed infatti spalmava anche all’intorno...la klister violet, con flautate occhiate color pervinca dagli occhi tipo Elisabeth Taylor, mélangée ad un delizioso sorriso klister rossa…Special naturalmente.
Uno sguardo panoramico che per poco non scioglieva anche le nevi sulle cime circostanti anch' esse estasiate.
Anche alle unghiette aveva dato una passatina leggera di klister rossa, che poi, raffreddandosi, aveva coperto con il blu del guanto.
Quando la sciolinatura è uno stile di vita.

LUI:
gagliardo, possente, 186x80 mod. “ Ti spiezzo in due “ , ma sorriso affabile,
quadricipiti da Johann Olav Koss targati Craft ( ma per me era da OverCraft),
stazionava su una piattaforma 44 di scarponi skating Salomon,…ma no, non erano scarponi…
erano Chassure bianco e nere, di certo acquistate al “ Nordic Atelier “ in Rodeo Drive Strasse a Davos, di una eleganza imperitura…potevano andare bene sia lì come a Chicago anni '20.
Classe pura, come il pavimento di Villa Mozart a Merano.
Le banane dei tricipiti tendevano il completo candido da angelo, sembrava Gunde o Thomas o Torgny…di cui nel Centro ci sono ancora appese foto vincenti su quella pista.

Richiusa la bocca, dopo il richiamo degli amici, ero come diceva
il Porta ne “ La nomina del Cappelan ”… stremii, sbattuu, inlocchii come tappon…"

Mi riprendo, mi galvanizzo, mi eccito, mi entusiasmo e mi decido:
…ANCH’IO , ANCH’IO…!!! voglio essere così.
Affronto come mio solito la questione in modo professionale:
prendo carta, penna e calamaio e butto giù la lista della spesa.
Si rifà tutta l’attrezzatura, materiali ed abbigliamento, solo TOP DI GAMMA eccheccaspita:
SIVIVEUNAVOLTASOLAMEGLIOUN GIORNODA LEONICHECENTODAPECORELAVITAE’ADESSOBUTTA ILCUORE OLTRE L’OSTACOLO
(James Joyce-Ulysses, Il sogno di Molly Bloom)
Insomma un po’ Enrico Toti ……ed un pò il Barone di Münchhausen.

Abbigliamento:
Ça va sans dire, ci si rifornisce al “ Nordic Atelier “ in Rodeo Drive Strasse a Davos, con carta di credito “per una somma di denaro……diciamo…SPUDORATA!” ( Pretty Woman in doppio...shopping).

Skating:
3 paia ( impronta fine/media/grossa) + 3 per da Cerare
( e risparmio perché li prendo con una durezza di ponte sola, e non le due versioni cold/warm )
2 paia di bastoni con un paio di cm. di differenza per piste piatte o mosse.
Classico:
3 paia per stick ( impronta fine/media/grossa/) + 3 per Klister + 6 per Cerare
2 paia di bastoni come sopra

Preparazione:
Gamma completa di attrezzatura ( ferri, rulli, dime, spazzole, termobox, veline accarezzasoletta, ecc. ecc.) e set completo di scioline e paraffine & Cere distillate al fluoro puro di tutte le marche maggiori:
Swix
Maplus
Rode
Rex
ecc. ecc.
Tiro la riga sotto e accendo la calcolatrice CarbonLaser…………….



Ripiego il foglio, prendo 2 €, e vado a comprare il biglietto del Superenalotto.
Si estrae tre volte alla settimana…..

p.s.:
l’ho colorata di mio (…sò scrivàno…come ammicca il nostro Diego…),
ma è tutto rigorosamente vero …Campra, addì 27.12.2009

peter
Messaggi: 290
Iscritto il: 21 nov 2010, 19:51

Messaggioda peter » 5 feb 2011, 18:04

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Penso che il problema valga anche per i giovani, maschi e femmine, più abituati al compiuter, agli spazi chiusi che ai sacrifici.
E' più "in" fare dello step in ambiente ovattato che affrontare la natura.

<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

sono d'accordissimo con te.
Lo sci di fondo ha la fama di sport per vecchi e purtroppo guardando l'età media delle persone in pista è vero

La maggior parte dei miei coetanei (25 anni) non ha voglia di far fatica...
Le uniche "fatiche" che piacciono ai giovani sono fare i fighi in palestra o in un campo di calcetto.

Quando dico a quanlcuno di loro che il fondo è uno sport fantastico, mi rispondono cose tipo: "che divertimento c'è a camminare con gli sci?"

IGNORANTI oltre che pigri!

loop
Messaggi: 3
Iscritto il: 30 gen 2011, 15:31

Messaggioda loop » 6 feb 2011, 0:47

concordo pienamente. anch'io, come te peter, sono molto giovane. faccio fondo da quando avevo tre anni e da allora, ogni qual volta ho cercato di descrivere la bellezza di questo sport, ho sempre percepito un senso di disapprovazione/'disgusto'. 'si fa fatica', 'è da sfigati, con quelle tutine strette..', 'è noioso'.. sono commenti comuni. credo che ognuno è libero di fare lo sport o attività che predilige ma ciò che mi indispettisce è che i più giudicano senza conoscere. la fatica che spaventa tanti è per noi una gioia non sofferenza (o per lo meno non soltanto). è una sfida con se stessi prima ancora che con gli altri. è uno stimolo a migliorarsi. in questo senso lo sci di fondo è paradigma di valori di vita. ed è per questo che l'amo così tanto.

lelebi
Messaggi: 140
Iscritto il: 9 ott 2006, 22:06

Messaggioda lelebi » 6 feb 2011, 20:04

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
concordo pienamente. anch'io, come te peter, sono molto giovane. faccio fondo da quando avevo tre anni e da allora, ogni qual volta ho cercato di descrivere la bellezza di questo sport, ho sempre percepito un senso di disapprovazione/'disgusto'. 'si fa fatica', 'è da sfigati, con quelle tutine strette..', 'è noioso'.. sono commenti comuni. credo che ognuno è libero di fare lo sport o attività che predilige ma ciò che mi indispettisce è che i più giudicano senza conoscere. la fatica che spaventa tanti è per noi una gioia non sofferenza (o per lo meno non soltanto). è una sfida con se stessi prima ancora che con gli altri. è uno stimolo a migliorarsi. in questo senso lo sci di fondo è paradigma di valori di vita. ed è per questo che l'amo così tanto.


<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>
a proposito di fatica, a me è invece capitato spesso di essere "snobbato" da persone che evidentemente non conoscendo lo sport non ne capivano lo sforzo fisico necessario...per molti sci di fondo sembra essere sinonimo di camminare con gli sci...(leggi strusciapattine<img src=faccine/2.gif border=0 align=middle>)

aguarana
Messaggi: 611
Iscritto il: 29 ott 2009, 17:18

Messaggioda aguarana » 7 feb 2011, 9:24

a mio parere è la mentalità che deve cambiare...lo sport va iniziato da bambini/e perchè dietro c'è tutta la formazione psico ficisa!! il 99 percento delle donnine italiche lo sport preferico è il parlaparla o fuma fuma come dicevano in tv!! smenare un pò il sedere in palestra è una cosa prendere inmano gli sci o una bici e farsi un allenamento o un giretto senza che nessuno ti spinga è tutt'altro...

theno
Messaggi: 21
Iscritto il: 31 gen 2011, 13:26

Messaggioda theno » 8 feb 2011, 9:53

Avere una compagna o una moglie (come nel mio caso) con gli stessi interessi credo sia una cosa non dico fondamentale ma importante per prendersi delle "belle soddisfazioni" e divertirsi insieme. In questo caso la passione per la montagna è comune per cui tutte le attività che si possono fare in questo contesto le facciamo insieme naturalmente. Trekking, ferrate, escursioni in alta quota d'estate, sci di fondo naturalmente d'inverno. L'importante ripeto è condividere le stesse passioni, sennò....Ho trasmesso a mia moglie la passione dello sci da fondo e da allora mi segue ovunque, Ortigara, Fossetta; Valsugana le piste più dure in circolazione, e i 30 km alla domenica bene o male si fanno sempre (in pattinato). Per cui cosa posso chiedere di più?<img src=faccine/1.gif border=0 align=middle>. A dir la verità ho fatto ancora meglio...Ho trasmesso a 4 anni a mia figlia più grande (ora ne ha 8) la passione per questo splendido sport... Beh ora non sempre, perchè è giusto non esagerare con i bambini, però anche lei ci segue arrivando a 15 km in pattinato....Ed io gongolo naturalmente! Una soddisfazione immensa...Speriamo che mantenga questa passione...Ecco tutto questo perchè volevo portare un'ulteriore testimonianza che le donne se hanno la mentalità "giusta" fanno qualsiasi cosa e meglio degli uomini molte volte!<img src=faccine/2.gif border=0 align=middle> Un saluto a tutti!

snevolo
Messaggi: 3093
Iscritto il: 23 dic 2009, 0:52

Messaggioda snevolo » 8 feb 2011, 15:26

Concordo con tutti gli interventi... certo che rosqua ha lanciato un bel sasso nello stagno, lasciando noi a... ...

Leprebianca
Messaggi: 382
Iscritto il: 9 gen 2007, 20:03

Messaggioda Leprebianca » 9 feb 2011, 12:47

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Quando dico a quanlcuno di loro che il fondo è uno sport fantastico, mi rispondono cose tipo: "che divertimento c'è a camminare con gli sci?"

<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Questo dimostra anche quanto poco televisivo sia il nostro sport, e spesso, vedendo una ripresa in tv di una salita (perchè le telecamere le piazzano lì) e mi metto nei panni di un casuale telespettatore, lo penso anch'io... Dal vero è MOOOLTO meglio, ma lo sappiamo solo noi...

Ora, tornando a "donne e Fondo", ora mi faccio picchiare. Visto che si dice delle straniere, che sono sportive, delle "nostre" che invece tra casa, lavoro, bambini... Ma noi MASCHI ITALICI, cosa facciamo oltre a dir loro di venire a sciare con noi? O di Far Qualcosa? Cioè, visto che nessuno fa l'atleta professionista come DiCenta (4 Figli...) quanto sacrifichiamo della nostra passione per permettere alla nostra metà di tornare a dedicarcisi? Eh, no, perche l'uomo DEVE allenarsi rigorosamente, per scalare 20 posizioni alla Marcialonga (da 4371 a 4209...) così un'altranno cambia gruppo di merito ecc... Quindi, visto che il fondo è uno sport DURO, quando c'è la neve si scia, poi si fa bici, MTB, corsa, skiroll... E lei a STIRARE, si perchè, in genere, una donna, madre di famiglia, certe fisime non le ha!!!. E quindi è felice raggiante ad aspettare il maritino al traguardo della granfondo! Poi magari vogliamo che si diverta a tirare 30km (ma se non si è potuta allenare!!!)

Provocatorio?

Aspetto di essere radiato...

gundesvan
Messaggi: 247
Iscritto il: 14 mar 2008, 19:54

Messaggioda gundesvan » 9 feb 2011, 16:32

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Quando dico a quanlcuno di loro che il fondo è uno sport fantastico, mi rispondono cose tipo: "che divertimento c'è a camminare con gli sci?"

<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Questo dimostra anche quanto poco televisivo sia il nostro sport, e spesso, vedendo una ripresa in tv di una salita (perchè le telecamere le piazzano lì) e mi metto nei panni di un casuale telespettatore, lo penso anch'io... Dal vero è MOOOLTO meglio, ma lo sappiamo solo noi...

Ora, tornando a "donne e Fondo", ora mi faccio picchiare. Visto che si dice delle straniere, che sono sportive, delle "nostre" che invece tra casa, lavoro, bambini... Ma noi MASCHI ITALICI, cosa facciamo oltre a dir loro di venire a sciare con noi? O di Far Qualcosa? Cioè, visto che nessuno fa l'atleta professionista come DiCenta (4 Figli...) quanto sacrifichiamo della nostra passione per permettere alla nostra metà di tornare a dedicarcisi? Eh, no, perche l'uomo DEVE allenarsi rigorosamente, per scalare 20 posizioni alla Marcialonga (da 4371 a 4209...) così un'altranno cambia gruppo di merito ecc... Quindi, visto che il fondo è uno sport DURO, quando c'è la neve si scia, poi si fa bici, MTB, corsa, skiroll... E lei a STIRARE, si perchè, in genere, una donna, madre di famiglia, certe fisime non le ha!!!. E quindi è felice raggiante ad aspettare il maritino al traguardo della granfondo! Poi magari vogliamo che si diverta a tirare 30km (ma se non si è potuta allenare!!!)

Provocatorio?

Aspetto di essere radiato...


<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Non sono sposato, e vado a sciare per lo più da solo...ma sottoscrivo in pieno quello che scrivi tu. Bravissimo, hai colto nel segno! Certe volte il "furore agonistico da prestazione", anche se palesemente fuori età, tempo e fuori misura, crea una tal catena di dipendenze...che per mantenerle poi si diventa egoisti anche con le persone che ami (o dovresti amare) di più! Certo non solo nel fondo: pensiamo a quello che sono disposti a fare e a farsi certi amatori delle 2 ruote!

theno
Messaggi: 21
Iscritto il: 31 gen 2011, 13:26

Messaggioda theno » 9 feb 2011, 18:27

Da quello che leggo sembra che sia una costrizione che la donna venga a sciare con il suo uomo....Parlo per me, dicendo che la mia donna viene con me e con gran piacere senza manìe di competizioni e misurazione del tempo (da parte mia),ma soprattutto per passare una bella giornata in montagna scattando foto e guardando i bellissimi panorami.....e possibilmente tutti insieme bimbe comprese....

Leprebianca
Messaggi: 382
Iscritto il: 9 gen 2007, 20:03

Messaggioda Leprebianca » 9 feb 2011, 19:20

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Da quello che leggo sembra che sia una costrizione che la donna venga a sciare con il suo uomo....Parlo per me, dicendo che la mia donna viene con me e con gran piacere senza manìe di competizioni e misurazione del tempo (da parte mia),ma soprattutto per passare una bella giornata in montagna scattando foto e guardando i bellissimi panorami.....e possibilmente tutti insieme bimbe comprese....


<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Infatti è ciò che facevamo "prima del bimbo" che ora, pur se intraprendente, è ancora piccolo per fare come fai tu. Ed io ho conosciuto il "furore da allenamento" che ora rinnego senza pudore e consiglio tutti quanti dal tenersi alla larga. Complice anche una moglie poco disposta a "stare a casa a fare la calza aspettandomi" o peggio ancora all'arrivo di una GF, o, peggissimo ancora, a gelare ai bordi di una pistaccia di un campionato regionale dopo essersi svegliata alle 4.30..., forse perchè abbiamo iniziato insieme e certe cose sono belle da godersi insieme.

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>

Non sono sposato, e vado a sciare per lo più da solo...ma sottoscrivo in pieno quello che scrivi tu. Bravissimo, hai colto nel segno! Certe volte il "furore agonistico da prestazione", anche se palesemente fuori età, tempo e fuori misura, crea una tal catena di dipendenze...che per mantenerle poi si diventa egoisti anche con le persone che ami (o dovresti amare) di più! Certo non solo nel fondo: pensiamo a quello che sono disposti a fare e a farsi certi amatori delle 2 ruote!

<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

CATENA DI DIPENDENZE... FUORI ETA', TEMPO MISURA... egoismo...

Anche tu hai colto nel segno

mattila76
Messaggi: 2405
Iscritto il: 15 gen 2007, 0:24

Messaggioda mattila76 » 10 feb 2011, 16:31

Ecco il mio personale contributo alla discussione, quanto meno sulla questione dei "giovani"!

Ho 34 anni, fidanzato da 10 anni, ma vivo da solo (da più di un anno) in un appartamento dove cucino, lavo, pulisco, stiro ..... piastrello, intonaco, imbianco, monto mobili, ...: insomma, sono uno dei tanti "giovani" tuttofare che per andare a vivere da soli fuori casa fanno i salti mortali (altrimenti non si arriva a fine mese). Durante la stagione invernale trascuro un po' i lavori in casa, interrompo il bricolage e scio, quando possibile, sia sabato che domenica.

Con questo vorrei dimostrarvi che molti "giovani" come me, squattrinati, precari, bamboccioni .... (chiamateci come vi pare) non fanno sport per evidente mancanza di tempo e soldi. Perchè è vero che il fondo costa meno di altri sport, ma non poi così poco.

Da una parte ci sono quindi queste difficoltà oggettive ..... dall'altra effettivamente ci sono molti under 40 che non hanno di questi problemi ..... ma di costoro ne avete già parlato.

Per chi volesse leggere qualcosa di interessante ..... http://fat-sports.blogspot.com/

snevolo
Messaggi: 3093
Iscritto il: 23 dic 2009, 0:52

Messaggioda snevolo » 12 feb 2011, 21:07

Potevi aggiungere che contrabbandi in cappellini. <img src=faccine/3.gif border=0 align=middle>

cris
Messaggi: 114
Iscritto il: 3 gen 2010, 18:10

Messaggioda cris » 12 feb 2011, 22:08

confermo che stare dietro casa lavoro stirare etc non e' semplice x nulla, mettervi nei panni di una donna per voi sara' impossibile e di difficile concezione
io ribadisco che le donne vadano trascintae perche' questo sport non e' di quelli gettonati famosi che i media fanno conoscere,a parte la fatica che facciamo noi con il tarlo delle gare,loro se lo conoscessero si divertirebbero guardare anche solo il paeseggio facendo un po' di movimento
voi volete la donna agonista carica con voglia di gare ,non siamo tutte cosi e bisogna accettarlo,ma ci sono anche quello che hanno lo spirito della vichinga che ti passa sopra se puo' ,tanta grinta ha in corpo io penso che la cosa bella e' far avvicinare piu persone ossibili ,pero' quanti di voi marito o compagno avete la pazienza di farlo e stargli dietro,io gia ' in bici che e' il mio sport primario dopo 2 volte che accompagno 1 donna lagnosa e fiacca mi girano e sparisco,perche' ho una concezione piu veloce,col fondo non ci penso nemmeno perche' non ho il bagaglio x insegnare nulla
per quello che riguarda le spese dello sport,se fai delle gare qualcosa in piu' ti parte ma una 2 gare, 1 o 2 granfondo un abbonamento tipo zambla riesco a godermi una stagione di sport e lo sfizio di qualche gara
prefrrisco rinunciare allora ai centri commerciali e allo shopping ma non al fondo


Torna a “Di tutto un po'”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite