Sondaggio

Qui si possono avviare nuove discussioni che non trovano lo spazio adeguato nelle aree specifiche
rosqua
Messaggi: 2299
Iscritto il: 26 nov 2010, 11:31

Messaggioda rosqua » 15 apr 2014, 11:03

Ragazze e ragazzi, oggi vorrei leggere direttamente dalle vostre dita la risposta a una domanda in stile ISTAT:
Quale fiducia riponete nei prossimi mesi/anni?

Oltre alla risposta mi piacerebbe che indicaste se siete operai, artigiani, impiegati, pensionati, o liberi professionisti.

Giusto per farmi un idea se all'ISTAT scrivono statistiche sensate o se vanno a farfalle.

È una richiesta seria per provare a capire se sono ottimista, realista o pessimista.

A voi!


Gianfranco.

Solo nel vocabolario, successo viene prima di sudore! V.Sassoon
********
è una domanda che contiene già la risposta...
inoltre si può riporre fiducia in un governo, in una istituzione, in una società, ma non in qualcosa di astratto come i mesi e gli anni, quando dicevo a mia nonna contadina "i tempi cambiano" lei mi rispondeva "no, il tempo è sempre quello, sono le persone che cambiano"...

----------------------
Let It Snow...

run65
Messaggi: 643
Iscritto il: 16 gen 2009, 10:52

Messaggioda run65 » 15 apr 2014, 11:40

io per carattere (predisposizione genetica? ) ho sempre fiducia nel futuro...
ottimista ad oltranza con qualche "cedimento" nel realismo...
non credo di fare testo...

(e sono impiegata...)

run65
Messaggi: 643
Iscritto il: 16 gen 2009, 10:52

Messaggioda run65 » 15 apr 2014, 11:41

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
è quando dicevo a mia nonna contadina "i tempi cambiano" lei mi rispondeva "no, il tempo è sempre quello, sono le persone che cambiano"...

----------------------
Let It Snow...
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

bellissima osservazione!!

pedroterzo
Messaggi: 3516
Iscritto il: 14 nov 2007, 15:27

Messaggioda pedroterzo » 15 apr 2014, 13:25

I sondaggi sulla fiducia dell'Istat qualche dubbio lo sollevano sempre.
Del resto quale sondaggio non solleva dubbi?

Però è un po' dura verificare se l'Istat va a farfalle con una domanda su un forum di fondisti.
Abbiamo sicuramente tanti pregi, ma non quello di essere un campione rappresentativo degli italiani!

Se invece ti basta sapere quanta fiducia abbiamo nel futuro, ti rispondo:
personalmente ne ho pochina, ma cerco sempre di far prevalere l'ottimismo della volontà sul pessimismo della ragione!

<b>Pedroterzo</b>
<i>".. in fin dei conti lo sci di fondo per me è uno sport di squadra" (mattila76)</i>

Gianni54
Messaggi: 167
Iscritto il: 15 feb 2011, 14:25

Messaggioda Gianni54 » 15 apr 2014, 13:40

Le cose, più le guardi da vicino e più ti appaiono grandi, come le montagne quando le ammiriamo dalle nostre piste di fondo; poi, allontanandoci, i contorni si fanno sfumati, le prospettive più serene e i paesaggi più ampi.
Personalmente sono ottimista, perché è nella mia natura. Sono un impiegato e ho perso il lavoro due volte negli ultimi quindici anni e non sono più un ragazzino, ma l'ho sempre riacchiappato in tempo; sono stato fortunato, molto fortunato, questo è certo, ma mi piace pensare di essere stato un po' anche io l'artefice della mia fortuna.
Quel che voglio dire è che questo periodo storico passerà, come sono passati tutti gli altri, per far posto a quel che verrà dopo e tutto ciò è indice di un futuro possibile.
Se poi sarà un futuro migliore di questo, allora avrà avuto ragione chi oggi è ottimista; se sarà peggiore, resterà comunque la speranza, se non la certezza, che le cose prima o poi cambino.
Perché così va il mondo, e così andrà per mille secoli almeno.
Ma noi non ci saremo.

Ciao

Gianni

berthoh
Messaggi: 274
Iscritto il: 9 mar 2012, 0:12

Messaggioda berthoh » 15 apr 2014, 17:45

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Ragazze e ragazzi, oggi vorrei leggere direttamente dalle vostre dita la risposta a una domanda in stile ISTAT:
Quale fiducia riponete nei prossimi mesi/anni?

Oltre alla risposta mi piacerebbe che indicaste se siete operai, artigiani, impiegati, pensionati, o liberi professionisti.

Giusto per farmi un idea se all'ISTAT scrivono statistiche sensate o se vanno a farfalle.

È una richiesta seria per provare a capire se sono ottimista, realista o pessimista.

A voi!


Gianfranco.

Solo nel vocabolario, successo viene prima di sudore! V.Sassoon
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

parli della situazione economica?

Avatar utente
Genky
Messaggi: 1654
Iscritto il: 5 dic 2007, 10:18

Messaggioda Genky » 15 apr 2014, 21:25

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
parli della situazione economica?
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Possiamo imputare alle scelte economiche (austerità) fatte dalla troika, la difficile situazione che attraversa il paese.

Ma non è specificatamente di economia che verte il quesito.

Tuttavia per meglio definire come giustamente Berthot chiede, la domanda sempre in stile ISTAT potrebbe essere la seguente:
Pensi che la tua vita migliorerà o meno nei prossimi mesi/anni?
Inoltre, pensi che il nostro paese migliorerà nei prossimi mesi/anni?

Sono domande vaghe, è chiaro, ma servono per capire la vostra visione dell'insieme.

Gianfranco.

Solo nel vocabolario, successo viene prima di sudore! V.Sassoon

pedroterzo
Messaggi: 3516
Iscritto il: 14 nov 2007, 15:27

Messaggioda pedroterzo » 16 apr 2014, 3:24

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>

Pensi che la tua vita migliorerà o meno nei prossimi mesi/anni?

Inoltre, pensi che il nostro paese migliorerà nei prossimi mesi/anni?

<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

In questo caso la risposta è facile:

Domanda 1) No, perchè vado dritto dritto verso la terza età.

Domanda 2) Assolutamente no... come può migliorare un paese dove per ogni fondista ci sono almeno 10 discesisti?

<b>Pedroterzo</b>
<i>".. in fin dei conti lo sci di fondo per me è uno sport di squadra" (mattila76)</i>

Avatar utente
Genky
Messaggi: 1654
Iscritto il: 5 dic 2007, 10:18

Messaggioda Genky » 16 apr 2014, 11:11

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>

Pensi che la tua vita migliorerà o meno nei prossimi mesi/anni?

Inoltre, pensi che il nostro paese migliorerà nei prossimi mesi/anni?

<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

In questo caso la risposta è facile:

Domanda 1) No, perchè vado dritto dritto verso la terza età.

Domanda 2) Assolutamente no... come può migliorare un paese dove per ogni fondista ci sono almeno 10 discesisti?

<b>Pedroterzo</b>
<i>".. in fin dei conti lo sci di fondo per me è uno sport di squadra" (mattila76)</i>
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>


Prima considerazione: non è possibile impostare una seria discussione.
Seconda considerazione: vabbè rimane il forum, uno spazio di evasione.

Ne prendo atto<img src=faccine/13.gif border=0 align=middle>

Gianfranco.

Solo nel vocabolario, successo viene prima di sudore! V.Sassoon

berthoh
Messaggi: 274
Iscritto il: 9 mar 2012, 0:12

Messaggioda berthoh » 16 apr 2014, 11:48

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Pensi che la tua vita migliorerà o meno nei prossimi mesi/anni?
Inoltre, pensi che il nostro paese migliorerà nei prossimi mesi/anni?
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

la mia vita? dura rispondere

il nostro paese? le richieste della gente e le risposte dei politici vanno nella direzione opposta rispetto alla soluzione dei problemi. Quindi per ora non si farà che peggiorare.

rosqua
Messaggi: 2299
Iscritto il: 26 nov 2010, 11:31

Messaggioda rosqua » 16 apr 2014, 12:10

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>

Prima considerazione: non è possibile impostare una seria discussione.
Seconda considerazione: vabbè rimane il forum, uno spazio di evasione.

Ne prendo atto<img src=faccine/13.gif border=0 align=middle>

Gianfranco.

Solo nel vocabolario, successo viene prima di sudore! V.Sassoon
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

una piccola considerazione: questo forum, per inciso dedicato allo sci nordico, non è solo uno spazio di evasione...
nel suo piccolo è un microcosmo, una piccola comunità, nella quale sono spontaneamente messi in atto quei comportamenti tipici della vita comunitaria che, se applicati su più vasta scala, potrebbero far andare meglio un paese e infondere una maggiore fiducia nel futuro...

faccio alcuni esempi:
- mutuo aiuto, scambio di conoscenze e competenze al fine di migliorare la pratica del fondo;
- trasferimento di conoscenze da parte dei membri più esperti ai neofiti, fino ad azioni di vero e proprio tutoraggio virtuale (sono una che ne ha approfittato parecchio);
- socializzazione che va dalle forme spontanee a quelle più organizzate (vedi SNC);
- solidarietà agli amici in difficoltà, in qualche modo ci si sente meno soli;
- competizione si, perché fa parte dello sport, ma leale e rispettosa dell'altro;
- e last but not least, le quattro risate che puntualmente ci facciamo quando apriamo il forum non le vogliamo considerare???

ovviamente non mancano tentativi autoritari-dittatoriali, proposte di regolamenti ad personam, ecc. ma questi vengono prontamente rintuzzati <img src=faccine/6.gif border=0 align=middle>

----------------------
Let It Snow...

Saintveran
Messaggi: 31
Iscritto il: 7 gen 2014, 1:18

Messaggioda Saintveran » 17 apr 2014, 23:39

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>

[...]
Giusto per farmi un idea se all'ISTAT scrivono statistiche sensate o se vanno a farfalle.
[...]
Gianfranco.

<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Ho lavorato per una società operante per conto ISTAT per qualche tempo e mi sono fatto qualche idea in merito.
Non credo che vadano proprio sempre "a farfalle", ma in alcuni casi ho constatato (e segnalato) dei risultati statistici quantomeno insensati.
A parte qualche "leggera e sfumata" manipolazione dei dati resi pubblici a seconda di chi sta al governo e di che aria tira nel Paese, credo che il problema maggiore stia nel metodo e nella qualità dei dati raccolti.
Le rilevazioni (interviste, sondaggi) eseguiti sul campo, di persona, sono affidate a società terze che formano e utilizzano rilevatori precari, pagati una miseria a intervista, senza alcun rimborso spese e con liquidazione a 90 gg fine mese, quando va bene. Ne deriva che tanti, diciamo per...ottimizzare, anziché visitare fisicamente gli intervistati, effettuino interviste (spesso parziali) al telefono o che si inventino parte, quando non tutte, le risposte.

Avatar utente
Genky
Messaggi: 1654
Iscritto il: 5 dic 2007, 10:18

Messaggioda Genky » 18 apr 2014, 0:12

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>

[...]
Giusto per farmi un idea se all'ISTAT scrivono statistiche sensate o se vanno a farfalle.
[...]
Gianfranco.

<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Ho lavorato per una società operante per conto ISTAT per qualche tempo e mi sono fatto qualche idea in merito.
Non credo che vadano proprio sempre "a farfalle", ma in alcuni casi ho constatato (e segnalato) dei risultati statistici quantomeno insensati.
A parte qualche "leggera e sfumata" manipolazione dei dati resi pubblici a seconda di chi sta al governo e di che aria tira nel Paese, credo che il problema maggiore stia nel metodo e nella qualità dei dati raccolti.
Le rilevazioni (interviste, sondaggi) eseguiti sul campo, di persona, sono affidate a società terze che formano e utilizzano rilevatori precari, pagati una miseria a intervista, senza alcun rimborso spese e con liquidazione a 90 gg fine mese, quando va bene. Ne deriva che tanti, diciamo per...ottimizzare, anziché visitare fisicamente gli intervistati, effettuino interviste (spesso parziali) al telefono o che si inventino parte, quando non tutte, le risposte.




<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Grazie Riccardo, qualcosa inizia a tornare<img src=faccine/7.gif border=0 align=middle>

Gianfranco.

Solo nel vocabolario, successo viene prima di sudore! V.Sassoon

pedroterzo
Messaggi: 3516
Iscritto il: 14 nov 2007, 15:27

Messaggioda pedroterzo » 18 apr 2014, 3:04

Ok faccio il serio...

Sono POCO fiducioso circa l'avvenire del genere umano perchè penso che stiamo gravemente sottovalutando i pericoli legati alla questione ambientale e allo sfruttamento delle risorse: cambiamenti climatici, sovrautilizzazioni di energie non rinnovabili e - problema più grosso di tutti - sovrappopolazione.

Sono POCO fiducioso circa l'avvenire dell'Italia, perchè penso che noi italiani abbiamo delle tare strutturali ormai consolidate: troppo furbetti, disorganizzati, poco onesti, poco coraggiosi, poco inclini ad essere una vera comunità.
La nazionale di calcio - che si impegna solo nelle partite che contano - ci rappresenta ahimè molto bene.

Sono POCO fiducioso nel futuro della nostra economia, perchè stiamo già dimostrando di non saper intercettare la ripresa. E ci consoliamo dando la colpa alla Germania: come se la voragine di bilancio del Comune di Roma o quella dell'Alitalia ce l'avesse imposta la Merkel...


Nonostante questo faccio un po' quel che posso: dò una mano al mio Sindaco (uno bravo) a scrivere il programma elettorale e per l'ennesima volta mi candido a far parte del consiglio comunale.
Perchè nella politica ci credo. Non nella politica dei vitalizi dell'onorevole Razzi ovviamente, ma in quella di Don Milani: "i miei problemi sono uguali a quelli degli altri. Risolverli da soli è l'egoismo, risolverli insieme è la politica".
E per l'ennesima volta prendero 4 o 5 voti e non verrò eletto.

Tutto questo mi piace chiamarlo, con Gramsci, "pessimismo dell'intelligenza,
ottimismo della volontà". Mi piacerebbe dico... perchè non sono poi così sicuro di dire sempre cose intelligenti!


Scritto Da - pedroterzo on 18/04/2014 01:25:25

pedroterzo
Messaggi: 3516
Iscritto il: 14 nov 2007, 15:27

Messaggioda pedroterzo » 18 apr 2014, 3:44

Serietà per serietà, fatemi dire anche due cose sull'Istat.

La misurazione dell'indice di fiducia viene effettuata ogni mese con interviste telefoniche (si chiama tecnica CATI e sta per Computer Assisted Telephone Interviewing). Quindi non c'entrano le interviste personali di cui parla Saintverain.

Qual'è la differenza? Che le interviste CATI si fanno da un call center e gli intervistatori - per quanto uguamente poco pagati - sono molto più controllati e non hanno alcun interesse a inventarsi le risposte (li pagano ugualmente...).

Questo non significa che siano fatte bene, significa solo che non sono inventate.

Tutta la metodologia è pubblica e a chi interessa si trova qui:
http://siqual.istat.it/SIQual/visualizza.do?id=8888944

Il dato sulla fiducia non viene pubblicato in valore assoluto, ma sotto forma di "indice", a partire dal dato del 2005 che è stato fissato pari a 100.

Questo significa che dall'indice non si può capire se gli italiani sono in assoluto ottimisti o pessimisti, ma solo se il loro ottimismo è in calo o in crescita.

In passato le oscillazioni dell'indice hanno rispecchiato abbastanza bene l'andamento dell'economia, ma alcuni lo hanno criticato perchè sembrava loro troppo "stazionario".
In sostanza la domanda era: come mai tutti sprizzano pessimismo e l'indice cala così poco?

Il fenomeno, secondo me, è spiegabile in vari modi, ma non voglio annoiare nessuno.

Alcuni mesi fa (primo periodo del governo Letta) l'indice ha avuto una prima ripresa: ripresa che altre indagini simili (non pubblicate, in quanto destinate a privati) non hanno però confermato.

Tutto questo per dire: i dubbi ci possono anche stare, ma andiamoci piano con il pensare che sia tutta roba fasulla o inventata.

Quella del sospetto a tutti i costi è un po' una mania: per 3 anni in passato sono stato responsabile delle giurie popolari del Festival di Sanremo (quando erano curate dall'istituto Abacus).
Ebbene: quando sostenenvo - con assoluta cognizione di causa - che non c'era nessun trucco e che nessuno aveva deciso prima chi far vincere... non mi credevano nemmeno i miei parenti....<img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle>

<b>Pedroterzo</b>
<i>".. in fin dei conti lo sci di fondo per me è uno sport di squadra" (mattila76)</i>

Scritto Da - pedroterzo on 18/04/2014 01:50:02

mattila76
Messaggi: 2455
Iscritto il: 15 gen 2007, 0:24

Messaggioda mattila76 » 18 apr 2014, 10:49

Cavolo Pedro ... abbiamo finalmente scoperto chi è il responsabile della vittoria dei Jalisse!!! Spiegaci come hai fatto a truccare i dati per farli vincere!!!<img src=faccine/3.gif border=0 align=middle><img src=faccine/3.gif border=0 align=middle><img src=faccine/3.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle>

pedroterzo
Messaggi: 3516
Iscritto il: 14 nov 2007, 15:27

Messaggioda pedroterzo » 18 apr 2014, 14:43

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Cavolo Pedro ... abbiamo finalmente scoperto chi è il responsabile della vittoria dei Jalisse!!! Spiegaci come hai fatto a truccare i dati per farli vincere!!!<img src=faccine/3.gif border=0 align=middle><img src=faccine/3.gif border=0 align=middle><img src=faccine/3.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle>


<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Io sono arrivato esattamente l'anno dopo dei Jalisse.
Quando vinsero i Jalisse, l'istituto che corrdinava le giurie era l'Explorer (attuale Ipsos di Nando Pagnoncelli, che al tempo era il mio capo in Abacus).
Explorer venne accusato (ingiustamente) di aver fatto casini e truccato i dati.

Credo ci sia stato anche un processo e l'istituto venne prosciolto.
Ma ormai la commessa era persa.
Venne rifatta la gara e vinse Abacus.

Nel primo anno della mia direzione vinse la Minetti.
Il secondo anno non ricordo.
Il terzo anno gli Avion Travel, ma in quel caso le giurie erano miste: 50% contava il voto popolare e 50% il voto di 10 "giurati di qualità" coordinati da Mike Bongiorno.


<b>Pedroterzo</b>
<i>".. in fin dei conti lo sci di fondo per me è uno sport di squadra" (mattila76)</i>

Avatar utente
Genky
Messaggi: 1654
Iscritto il: 5 dic 2007, 10:18

Messaggioda Genky » 18 apr 2014, 16:12

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Cavolo Pedro ... abbiamo finalmente scoperto chi è il responsabile della vittoria dei Jalisse!!! Spiegaci come hai fatto a truccare i dati per farli vincere!!!<img src=faccine/3.gif border=0 align=middle><img src=faccine/3.gif border=0 align=middle><img src=faccine/3.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle>


<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

<img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle>

Gianfranco.

Solo nel vocabolario, successo viene prima di sudore! V.Sassoon

Avatar utente
Genky
Messaggi: 1654
Iscritto il: 5 dic 2007, 10:18

Messaggioda Genky » 18 apr 2014, 16:14

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Ok faccio il serio...

Sono POCO fiducioso circa l'avvenire del genere umano perchè penso che stiamo gravemente sottovalutando i pericoli legati alla questione ambientale e allo sfruttamento delle risorse: cambiamenti climatici, sovrautilizzazioni di energie non rinnovabili e - problema più grosso di tutti - sovrappopolazione.

Sono POCO fiducioso circa l'avvenire dell'Italia, perchè penso che noi italiani abbiamo delle tare strutturali ormai consolidate: troppo furbetti, disorganizzati, poco onesti, poco coraggiosi, poco inclini ad essere una vera comunità.
La nazionale di calcio - che si impegna solo nelle partite che contano - ci rappresenta ahimè molto bene.

Sono POCO fiducioso nel futuro della nostra economia, perchè stiamo già dimostrando di non saper intercettare la ripresa. E ci consoliamo dando la colpa alla Germania: come se la voragine di bilancio del Comune di Roma o quella dell'Alitalia ce l'avesse imposta la Merkel...


Nonostante questo faccio un po' quel che posso: dò una mano al mio Sindaco (uno bravo) a scrivere il programma elettorale e per l'ennesima volta mi candido a far parte del consiglio comunale.
Perchè nella politica ci credo. Non nella politica dei vitalizi dell'onorevole Razzi ovviamente, ma in quella di Don Milani: "i miei problemi sono uguali a quelli degli altri. Risolverli da soli è l'egoismo, risolverli insieme è la politica".
E per l'ennesima volta prendero 4 o 5 voti e non verrò eletto.

Tutto questo mi piace chiamarlo, con Gramsci, "pessimismo dell'intelligenza,
ottimismo della volontà". Mi piacerebbe dico... perchè non sono poi così sicuro di dire sempre cose intelligenti!


Scritto Da - pedroterzo on 18/04/2014 01:25:25
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Grazie <b>Pedroterzo</b>

Gianfranco.

Solo nel vocabolario, successo viene prima di sudore! V.Sassoon

Avatar utente
Stokkeloppet
Messaggi: 2554
Iscritto il: 4 nov 2005, 15:18

Messaggioda Stokkeloppet » 19 apr 2014, 13:46

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Serietà per serietà, fatemi dire anche due cose sull'Istat.

La misurazione dell'indice di fiducia viene effettuata ogni mese con interviste telefoniche (si chiama tecnica CATI e sta per Computer Assisted Telephone Interviewing). Quindi non c'entrano le interviste personali di cui parla Saintverain.

Qual'è la differenza? Che le interviste CATI si fanno da un call center e gli intervistatori - per quanto uguamente poco pagati - sono molto più controllati e non hanno alcun interesse a inventarsi le risposte (li pagano ugualmente...).
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Sono stato per diversi anni responsabile di un call cener, che tra l'altro si occupava di somministrare interviste telefoniche (in gergo "field"), e confermo quanto detto da Pedroterzo, anche perché se gli istituti di ricerca che commissionano il lavoro si rendono conto (e hanno gli strumenti di controllo per farlo) che le interviste sono state inventate si perde la commessa, oltre ad incorrer in penali. Quello che posso dire che l'affidabilità dei risultati dipende molto dalla scelta del campione, e dalla sua numerositá, chi tira al risparmio limando il numero delle interviste ai minimi termini rischia che i risultati abbiano una percentuale di errore superiore.
Diverso é il caso citato da Saintveran, in quel caso le interviste sono solitamente poche e i risultati ottenuti sono strettamente legati alla qualitá delle stesse, ma (Pedro correggimi se sbaglio) poi vanno sempre supportate da una analisi basata su un campione maggiore.

"Lo sci da sciolinare resta lo strumento principale per fare fondo" by Rosqua

Scritto Da - stokkeloppet on 19/04/2014 11:56:36


Torna a “Di tutto un po'”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti