riflessione sulle granfondo oggi


snevolo
Messaggi: 3152
Iscritto il: 23 dic 2009, 0:52

Messaggioda snevolo » 6 dic 2015, 0:04

Faccio una (amara) riflessione alla luce delle ultime novità riguardo la Sgambeda.
Per quanto mi riguarda, al netto dei problemi fisici che ho avuto e che mi hanno impedito negli ultimi inverni di allenarmi ma, soprattutto di divertirmi sugli sci stretti, credo che non partecipero' più a sgambede , dobbiaco-cortina o quant'altro, in quanto mi pare proprio che stiamo rasentando il ridicolo: queste gare erano nate con spirito amatoriale, per gente qualunque che voleva cimentarsi e mi pare che oramai in nome degli sponsor siano diventate gare inserite in circuiti internazionali "riservate" ai pro, i prezzi di iscrizione che nel giro di due anni quasi raddoppiano, e poi l'assurdità di trasformare le gare nella quasi totalità a tecnica classica senza pensare a chi, magari arrivando dalle città, non puo' permettersi di sciare in maniera "competitiva" su entrambe le tecniche o che possiede solo gli sci per lo skating. Tutto e sempre in nome dei soldi e per attirare gli stranieri (soparttutto scandinavi) che portano oltre ai soldi delle iscrizioni, soggiorni più duraturi. Quindi siamo nelle condizioni che gare organizzate in Italia sono e saranno concepite per attirare stranieri, questo il paradosso. Questi comitati si aspettino in futuro defezioni sempre più massicce degli Italiani che diventeranno una minoranza nelle classifiche finali.


********
Condivido, anche se io faccio solo classico, ma il problema non riguarda solo la tecnica.
Vedi il mio commento (snevolo) in data 25.11.2015 nel seguente post:
http://www.ski-nordik.it/forum/topic.as ... o++Cortina

silverklister
Messaggi: 252
Iscritto il: 13 nov 2013, 14:51

Messaggioda silverklister » 6 dic 2015, 16:51

Ti do pienamente ragione. Ormai puntano solo al profitto (MG) in primis.ci sono però gare che offrono entrambe le specialità a prezzi diciamo normali con cmq 30 anni di edizioni. Gare in Italia non ne faccio più da molti anni, per problemi legati alla burocrazia, mi concentro su gare in "sud tirol", che evidentemente non è Italia e gare oltre confine come a Lienz e Seefeld (abitando vicino) perchè qui non ti chiedono se sei italiano e quindi devi avere il certificato medico e tessera fisi ( anche se una visita medica non la escludo).
Sciaooooo

VA_2008
Messaggi: 164
Iscritto il: 7 set 2010, 9:58

Messaggioda VA_2008 » 6 dic 2015, 17:34

Io invece condivido solo in parte.
Infatti penso che ci siano ancora gran fondo con quote d'iscrizione accettabili, come la Millegrobbe, la MarciaGranParadiso o alcune gare altoatesine. Anche la stessa Marcialonga, per il lavoro che ci sta dietro, presenta a mio parere una quota non esagerata. Ciò è certamente dovuto all'utilizzo di manodopera gratuita proveniente dal volontariato, in quanto mi sembra che l'intento principale della manifestazione sia comunque il profitto.

Concordo che gare come la sgambeda quest'anno o la dobbiaco-cortina abbiano dei prezzi esagerati.

Tomas80
Messaggi: 89
Iscritto il: 26 nov 2010, 14:13

Messaggioda Tomas80 » 9 dic 2015, 14:45

Come ho già detto anche nella discussione sulla rivista "sci fondo", nemmeno io non capisco tutto questo agonismo che c'è tra gli amatori. E facendo anche ciclismo me ne rendo conto ancora di più .Ormai i casi di doping tra gli amatori non si contano più. E se posso aggiungere un commento, ovviamente di polemiche non ce ne sono perchè c'è gente che si sbatte per organizzare il tutto, anche qui sul forum si organizza una gara, non un semplice ritrovo con annessa sciata in compagnia.

vito
Messaggi: 211
Iscritto il: 27 mar 2006, 18:32

Messaggioda vito » 9 dic 2015, 15:08

io credo che la gara in se sia insita nella natura degli sport, sia che si parli di fondo, basket, pesca, pista di biglie, calcio balilla ecc. ecc. il problema è che nelle granfondo ci gareggiano i professionisti/fanatici delle granfondo , dopati o meno , quindi noi comuni sportivi nn abbiamo alcuna speranza, (a meno di non doparci pure noi di brutto), pagare poi per arrivare tra gli ultimi è diabolico....io quest'anno nn faccio nessuna gara anche per problemi famigliari e son contento così mi sono un po stufato di questo ambiente; vorrei chiudere con 30 ridanna (sconosciuta ai più ma molto calda) e 50 engadin giusto perché quest'ultima è una gara particolare e va fatta almeno una volta poi stop...ciao a tutti..<img src=faccine/3.gif border=0 align=middle>

Scritto Da - vito on 09/12/2015 14:14:53

AndreaPD
Messaggi: 656
Iscritto il: 6 dic 2006, 10:24

Messaggioda AndreaPD » 9 dic 2015, 15:23

Concordo con molte cose, però dico anche che cercando bene ci sono ancora le gare belle dove sciare diventa un piacere, sono spesso le più piccole e misconosciute, tipo una gara notturna di pochi km a Passo Coe, o il trofeo Campi di Battaglia a Campomulo, dove alla fine se è bel tempo si fa una grande mangiata assieme, o ancora una garetta di fine stagione a Palafavera...
Le altre troppo care le diserto, piuttosto mi tengo i soldi per fare una volta ogni due anni una trasferta (questa volta andremo alla Birken in Norvegia)

Ciao

Andrea

ceszij
Messaggi: 1555
Iscritto il: 17 gen 2009, 19:49

Messaggioda ceszij » 9 dic 2015, 15:52

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
... E se posso aggiungere un commento, ovviamente di polemiche non ce ne sono perchè c'è gente che si sbatte per organizzare il tutto, anche qui sul forum si organizza una gara, non un semplice ritrovo con annessa sciata in compagnia...
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

...pensa che solo grazie alla "gara" del forum si è riusciti a fare un raduno >20 forumendoli; se parli di ritrovo, siamo sempre 4 gatti!

davide1967
Messaggi: 533
Iscritto il: 4 apr 2006, 13:49

Messaggioda davide1967 » 9 dic 2015, 16:45

Lo stimolo dell'agonismo serve ad avere costanza negli allenamenti ed a riuscire a fare anche qualche sacrificio, c'è chi lo ha e chi non lo ha. Qualsiasi sport si può affrontare con più o meno impegno e a qualcuno piace la sfida con gli altri od anche solo con se stesso.A me le granfondo piacciono, sia quelle di sci nordico che quelle di ciclismo, e cerco sempre di migliorarmi anche se il mio livello è mediocre, senza di esse non li farei migliai di km in giro per l'Italia alla ricerca di un pò di neve.Per quanto riguarda il doping credo che sia solo una questione di coscienza personale, io non ne ho mai fatto uso nemmeno da giovane quando facevo gare ciclistiche ad un buon livello ed i risultati contavano.

Danko
Messaggi: 128
Iscritto il: 4 dic 2007, 12:29

Messaggioda Danko » 9 dic 2015, 17:26

Se dovessi iscrivermi ad una gara pensando al risultato, o alla sfida anche solo con me stesso, non lo farei mai.Faccio sport tutto l'anno e non mi alleno mai.Per me il giorno della gara è: pista dedicata e perfetta, nessuno in mezzo agli sci se non altri atleti, i giusti trenini per mantenere la velocità adeguata alle tue capacitò, ristori etc etc.Pensate alla Marcialonga, quella pista non la troverete mai il resto della stagione, o alla Vasallopett. Idem per la bici sia corsa che MTB. Certo che l'affolamento o il prezzo assurdo incidono se iscrivermi o no.


Torna a “La Sgambeda”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti