L'ESPERTO RISPONDE


Avatar utente
fabrizio
Messaggi: 163
Iscritto il: 15 feb 2001, 1:00

Re: L'ESPERTO RISPONDE

Messaggioda fabrizio » 2 gen 2020, 15:11

STAGIONE 2019/2020


Risolvi i problemi di preparazione dei tuoi sci!
Hai dei dubbi, perplessità ?
Anche per la prossima stagione sciistica, Angelo Carrara responsabile test, ricerca e sviluppo di Briko Maplus, sarà disponibile da mercoledì 8 gennaio a mercoledì 5 febbraio 2020 per rispondere ai vari quesiti di sciolinatura e preparazione dei materiali.
Giovanni si farà portavoce per rispondere alle domande postate entro il mercoledì alle ore 12.00 che riceveranno risposta nei giorni successivi.


Immagine

ANGELO CARRARA di Serina (BG) è stato ski-man della Nazionale A e della Nazionale lunghe distanze.
Ha fatto parte della Nazionale Italiana di biathlon dal 1970 al 1982, ha vinto una dozzina di titoli Italiani e partecipato alle Olimpiadi di Lake Placid 1980 (USA).

Stokkeloppet
Messaggi: 2512
Iscritto il: 4 nov 2005, 15:18

Base Stick

Messaggioda Stokkeloppet » 15 gen 2020, 12:50

Buongiorno Sig. Carrara,

viene talvota consigliato l'utilizzo di una base stick anche per scioline klister, mi conferma che in presenza di nevi abrasive o per lunghe percorrenze può avere un senso? Per le liquide, non è preferibile utilizzare come base sempre una klister, più fredda, tirata a caldo?

Grazie mille per il suo supporto.
Alessandro

Per le scioline klister la base deve essere klister. Per lunghe percorrenze e nevi abrasive, è giustamente consigliabile una base liquida molto dura, tirata col ferro.

AndreaPD
Messaggi: 703
Iscritto il: 6 dic 2006, 10:24

Re: L'ESPERTO RISPONDE

Messaggioda AndreaPD » 17 gen 2020, 14:13

Buongiorno,
sono talvolta confuso per quanto riguarda le temperatura delle cere.
Qual'è la differenza tra cera fredda e calda?
In una gara in cui si parte al freddo e poi si arriva al caldo (ad esempio Marcialonga ma non solo) che cosa conviene utilizzare?

E la cera solida (dadetto), se bene applicata (come?) ha la stessa prestazioni di quella in polvere o liquida?

Grazie

Andrea

La differenza tra cera calda e fredda è comprensibilmente marcata. Per gare come la Marcialonga dove si parte (generalmente) con temperature abbastanza fredde che poi crescono con il passare dei chilometri, la via di mezzo è il giusto compromesso (esempio MED Maplus) che ci permette di difenderci bene nella parte fredda del tracciato e non penalizza nella parte finale calda. Sconsigliabile partire con una cera troppo fredda.

Il dado solido lo si può strofinare sullo sci e rullare con il sughero ed è performante su distanze di 10, max 15 Km. Se si vuole la stessa prestazione che la cera in polvere permette di avere su lunghe distanze, bisogna "grattugiare" il dado e passarlo con il ferro, questo per avere la stessa quantità che si sarebbe avuta spargendo la polvere.

La cera liquida viene usata generalmente come rifinitura per l'ottimizzazione della scorrevolezza, dopo l'applicazione della cera solida.

AndreaPD
Messaggi: 703
Iscritto il: 6 dic 2006, 10:24

Re: L'ESPERTO RISPONDE

Messaggioda AndreaPD » 20 gen 2020, 13:59

Grazie mille!

Altra domandona: è vero che dal prossimo anno non saranno più in commercio in Europa almeno paraffine fluorate, e presumo anche cere?
O sono solo bandite dalle gare (tutte o solo in coppa del mondo???)?

Con cosa verranno sostituite?

Grazie

Andrea


Torna a “Paraffine - Scioline”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite