prevedere il tipo di neve


rosqua
Messaggi: 2287
Iscritto il: 26 nov 2010, 11:31

Messaggioda rosqua » 25 feb 2014, 10:55

So che la questione è come minimo ardua, provo comunque a buttarla lì.

Supponiamo di avere la possibilità di monitorare quotidianamente (da remoto) una località dal punto di vista delle condizioni meteo (vento, temperatura, nevicate, pioggia, sole, etc.). Al giorno d'oggi non è certo un'impresa impossibile ... con Internet possiamo consultare i dati di stazioni meteo, webcam, etc.

L'obiettivo è fare una stima, anche approssimativa, del tipo di neve che potremmo trovare su una pista (della quale conosciamo ovviamente l'esposizione) di tale località, al fine di determinare quale possa essere il momento della giornata (prima mattina? tarda mattina? primo pomeriggio?) migliore per fare un'uscita con gli sci con le migliori condizioni possibili della pista. Sapere dunque se troveremo neve ghiacciata, bagnata, compatta, farinosa, etc.

Quali sono le considerazioni almeno di base che si possono fare?


********
in attesa degli esperti <img src=faccine/1.gif border=0 align=middle>
in condizioni ideali forse la cosa è possibile: cioè se in una località ha fatto più di 50 cm di neve, le temperature dell'aria sono restate poniamo tra -2 e -11, allora si può ipotizzare di trovare un certo tipo di neve...

ma con il meteo che ci ritroviamo in questi tempi le cose vanno molto diversamente e bisogna stare sul posto per capire che tipo di neve hai sotto i piedi...

a me è successo recentemente di sciare in una pista dove aveva abbondantemente nevicato giorni prima, la temperatura dell'aria era diversi gradi sopra lo 0° e però la neve, pur avendo una temperatura anche lei +3° non era trasformata... naturalmente mi stavo impantanando con scioline troppo calde, finché un tipo esperto del posto mi ha spiegato come stavano le cose...

----------------------
Let It Snow...

Leprebianca
Messaggi: 382
Iscritto il: 9 gen 2007, 20:03

Messaggioda Leprebianca » 25 feb 2014, 11:32

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
in attesa degli esperti <img src=faccine/1.gif border=0 align=middle>
in condizioni ideali forse la cosa è possibile: cioè se in una località ha fatto più di 50 cm di neve, le temperature dell'aria sono restate poniamo tra -2 e -11, allora si può ipotizzare di trovare un certo tipo di neve...

ma con il meteo che ci ritroviamo in questi tempi le cose vanno molto diversamente e bisogna stare sul posto per capire che tipo di neve hai sotto i piedi...

a me è successo recentemente di sciare in una pista dove aveva abbondantemente nevicato giorni prima, la temperatura dell'aria era diversi gradi sopra lo 0° e però la neve, pur avendo una temperatura anche lei +3° non era trasformata... naturalmente mi stavo impantanando con scioline troppo calde, finché un tipo esperto del posto mi ha spiegato come stavano le cose...

----------------------
Let It Snow...
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Sarebbe interessante sapere come ti ha risolto la situazione, il vecchietto... Neve fresca a +3°... stick rossa?

rosqua
Messaggi: 2287
Iscritto il: 26 nov 2010, 11:31

Messaggioda rosqua » 25 feb 2014, 12:18

come fai a sapere che era un vecchietto, eri tu?? <img src=faccine/2.gif border=0 align=middle>

eravamo io, nikka costa e emilio fede (ve lo ricordate?) dunque eravamo io, un norvegese e un pattinatore (che non conta), di mio, seguendo l'istinto della strega, avevo messo una -3-7 che ai primi passi non teneva, il norvegese allora mi mette vr45 e poi vr50, ma senza risultato... mollo i miei compagni e attacco bottone con il vecchietto, che parla molto ma senza dire, grandi disquisizioni, "si, ma cosa c'ha sotto gli sci?" mi sorbetto un'altra mezz'ora di (utilissima) lezione sulla neve, sul come la neve abbia una storia, non bisogno guardare solo la neve com'è oggi, ma sapere com'era ieri, ecc.. è un filosofo della sciolina, è sposato, sennò lo sposerei...

... non penserete che vi sveli in 2 minuti quello che ho saputo solo dopo un'ora?? <img src=faccine/6.gif border=0 align=middle>

----------------------
Let It Snow...

Leprebianca
Messaggi: 382
Iscritto il: 9 gen 2007, 20:03

Messaggioda Leprebianca » 25 feb 2014, 15:21

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
come fai a sapere che era un vecchietto, eri tu?? <img src=faccine/2.gif border=0 align=middle>

<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

...Di solito è sempre un vecchietto, un saggio... Ok non svelare, tanto "non si può trovare la via se non si sbaglia mai strada".
Spiace per pacopy che siamo andati OT ma anche io aspetto esperti... Anzi di solito vado e vedo e... provo, poi tribolo, qualche volta scio divertendomi. Sabato ho fatto skating tutto il giorno con gli sci sciolinati da classico perchè mi ero rotto le scatole...

pacopyc
Messaggi: 20
Iscritto il: 1 dic 2012, 22:43

Messaggioda pacopyc » 25 feb 2014, 16:49

Non mi riferivo a informazioni così dettagliate da poter indicare addirittura la sciolina da mettere. Per quello credo proprio che si debba andare sul posto e solo a quel punto si è in grado di prendere una decisione. E non basta neanche quello.

Mi riferivo semplicemente (si fa per dire) al fatto di poter dire cose del tipo (faccio solo un esempio):

Negli ultimi 3-4 giorni sulla pista il tempo è stato soleggiato con temperature tra -5° e +2°, l'ultima nevicata è stata debole e risale a 5 giorni fa, ma 10 giorni prima aveva nevicato in abbondanza. Oggi la temperatura è tra 2° e 6°. Domani vorrei andare a sciare. Come sarà la pista? Se volessi andare quando la pista è nelle migliori condizioni possibili (per me potrebbe equivalere a neve non ghiacciata), in quale periodo della giornata mi conviene andare?

Tutto quì ... si fa per dire!

snevolo
Messaggi: 3159
Iscritto il: 23 dic 2009, 0:52

Messaggioda snevolo » 25 feb 2014, 16:54

Anch'io monitoro quotidianamente in remoto la pista che voglio fare diversi giorni prima
e guardo le previsioni del giorno di sfogo.
Lo trovo un buon metodo per chi come me prepara gli sci a casa il giorno prima.
A volte ci prendo o altrimenti sbaglio di poco, con 1-2 passate di stick risolvo tutto.

Se l'aria è secca tende a trasformare meno la neve e se anche è caldo si trasforma di meno e richiede roba un po' più fredda.
Conta anche l'esposizione al sole della pista.
Come dice Carrara. "Se i km sono pochi e si fanno in 1 ora considerare maggiormente la temperatura della neve,
altrimenti considerare la temperatura dell'aria".
Forse comincio ad essere vecchio... <img src=faccine/11.gif border=0 align=middle>

Stokkeloppet
Messaggi: 2473
Iscritto il: 4 nov 2005, 15:18

Messaggioda Stokkeloppet » 25 feb 2014, 17:21

Se conosci tutte le condizioni che hai elencato (ultime nevicate, storico temperature minime e massime, umidità dell'aria ed esposizione) si parte già con una buona presunzione di certezza su che condizioni si possono trovare; un'ulteriuore discriminante è la conosceza della località, io nei posti in cui vado spesso conoscendo l'ultima nevicata e il meteo+temperature degli ultimi due/tre giorni mi senti di scommettere sulla sciolina da usare.
Prendendo ad esempio il caso da te ipotizzato, se per il giorno in cui vai a sciare è previsto bel tempo con temperature sopra lo zero io mi azzarderei a dire: klister rossa+viola, tirata a mano; se intendi fare più di 30 km, prima una leggera base di klister blu o blu special tirata a caldo.

"Lo sci da sciolinare resta lo strumento principale per fare fondo" by Rosqua

Stokkeloppet
Messaggi: 2473
Iscritto il: 4 nov 2005, 15:18

Messaggioda Stokkeloppet » 25 feb 2014, 17:23

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
come fai a sapere che era un vecchietto, eri tu?? <img src=faccine/2.gif border=0 align=middle>

eravamo io, nikka costa e emilio fede (ve lo ricordate?) dunque eravamo io, un norvegese e un pattinatore (che non conta), di mio, seguendo l'istinto della strega, avevo messo una -3-7 che ai primi passi non teneva, il norvegese allora mi mette vr45 e poi vr50, ma senza risultato... mollo i miei compagni e attacco bottone con il vecchietto, che parla molto ma senza dire, grandi disquisizioni, "si, ma cosa c'ha sotto gli sci?" mi sorbetto un'altra mezz'ora di (utilissima) lezione sulla neve, sul come la neve abbia una storia, non bisogno guardare solo la neve com'è oggi, ma sapere com'era ieri, ecc.. è un filosofo della sciolina, è sposato, sennò lo sposerei...

... non penserete che vi sveli in 2 minuti quello che ho saputo solo dopo un'ora?? <img src=faccine/6.gif border=0 align=middle>

----------------------
Let It Snow...
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Facciamo il toto-sciolina: io dico stick rossa special <img src=faccine/3.gif border=0 align=middle>

"Lo sci da sciolinare resta lo strumento principale per fare fondo" by Rosqua

pacopyc
Messaggi: 20
Iscritto il: 1 dic 2012, 22:43

Messaggioda pacopyc » 25 feb 2014, 17:23

Potresti fare un esempio concreto con dei dati ipotetici che riesci a monitorare?

Mad64
Messaggi: 92
Iscritto il: 18 feb 2014, 13:26

Messaggioda Mad64 » 26 feb 2014, 21:57

Ma io sarò duro, ma non ho proprio capito qual'è il problema....

Se è per farti un giro che te ne frega? Basta aver tempo e che la pista sia battuta. Quando arrivi in 5 min decidere come sciolinare.

Devi fare una gara da "bisonte"?
Ti puoi benissimo preparare da casa gli sci per la marcialonga solo avendo quardato per l'ultima settimana il meteo.it o 3bmeteo(tanto per sapere se base klister o solida... non ci vuole molto....)

Leprebianca
Messaggi: 382
Iscritto il: 9 gen 2007, 20:03

Messaggioda Leprebianca » 27 feb 2014, 8:33

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>


Ma io sarò duro, ma non ho proprio capito qual'è il problema....

Se è per farti un giro che te ne frega? Basta aver tempo e che la pista sia battuta. Quando arrivi in 5 min decidere come sciolinare.

Devi fare una gara da "bisonte"?
Ti puoi benissimo preparare da casa gli sci per la marcialonga solo avendo quardato per l'ultima settimana il meteo.it o 3bmeteo(tanto per sapere se base klister o solida... non ci vuole molto....)


<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

rosqua
Messaggi: 2287
Iscritto il: 26 nov 2010, 11:31

Messaggioda rosqua » 27 feb 2014, 9:52

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>


Ma io sarò duro, ma non ho proprio capito qual'è il problema....

Se è per farti un giro che te ne frega? Basta aver tempo e che la pista sia battuta. Quando arrivi in 5 min decidere come sciolinare.

Devi fare una gara da "bisonte"?
Ti puoi benissimo preparare da casa gli sci per la marcialonga solo avendo quardato per l'ultima settimana il meteo.it o 3bmeteo(tanto per sapere se base klister o solida... non ci vuole molto....)


<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

ma sai, Mad, a volte si fa tanto per parlare, poi magari parlando con gli altri vengono fuori aspetti interessanti...

credo che a Pacopyc interessi sapere in che condizioni è una pista prima di partire, se la neve è gelata per esempio, in modo da scegliere le ore della giornata in cui la pista è nelle condizioni migliori... di fatto credo sia un po' difficile, almeno dalle mie parti, già la neve è cambiata per quando arrivo rispetto a quando sono aprtita da casa e ricambia quando ho finito di sciare, perciò...
per me non è un problema, basta che la neve ci sia <img src=faccine/1.gif border=0 align=middle>

----------------------
Let It Snow...

Mad64
Messaggi: 92
Iscritto il: 18 feb 2014, 13:26

Messaggioda Mad64 » 27 feb 2014, 20:43

[/quote]

Let It Snow...
[/quote]

Ah! Detta così sembra tutta un'altra cosa (invece é tale e quale a quanto detto da Pacopyc!! <img src=faccine/6.gif border=0 align=middle>)

Da montanaro posso dire che più che meteorologico é un aspetto fisico ambientale.
Mi spiego: il fisico di norma risponde meglio al mattino (in assenza di bagordi serali....), e così anche le condizioni meteo sono tendenzialmente più stabili nella prima parte della giornata.
Se poi arrivi presto puoi aspettare l'arrivo delle condizioni migliori, ma se é già tardi, cosa fai?
In ogni caso le condizioni di una pista da fondono dipendono più dal lavoro del gatto delle nevi che dalle previsioni dei giorni prima.
Diverso invece é se vuoi azzeccare paraffina e sciolina. In questo caso l'osservazione dell'evoluzione meteo é sicuramente strategica! <img src=faccine/6.gif border=0 align=middle>


Torna a “Allenamento: metodi, consigli ed esperienze varie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite