Moonlightmarathon Alpe di Siusi BZ 19.01.2011


snevolo
Messaggi: 3159
Iscritto il: 23 dic 2009, 0:52

Messaggioda snevolo » 20 gen 2011, 15:27

Riporto nella sezione il commento di AndreaPD che non si riusciva ad inserire.
A volte in alcune discussioni, capita anche a me. In tal caso clicco su un commento su rispondi citando e cancellando il contenuto, per scrivere pulito il mio.
Già successo 1 anno fa(?). Amministratori (quella volta) parlato d'un virus.

"Non so perché ma non riesco a rispondere sull'altro topic e quindi scrivo qui...magari se il webmaster vuol spostarlo...

Intanto complimenti per il racconto bellissimo, davvero divertente.

Venendo alle cose serie(!):
- Ti hanno detto giusto, il dolore è al fegato, non credo tanto dovuto all'alimentazione, ma ad una poca abitudine ai ritmi alti da gara: devi abituarti (non al dolore, ai ritmi gara!), che vanno riprodotti anche in allenamento, non serve a nulla fare 30 km a ritni da turisti per poi affrontare una gara.

- Meriti un plauso per il coraggio di affrontare per la prima gara un percorso in notturna!

Ora che il virus ti ha preso, penso non ti lascerà facilmente, potrei consigliarti di fare qualche altra gara magari "facile", per provare nuove sensazioni ed abituarti alla gestione dello sforzo.

Ciao

Andrea"

Risposta snevolo: hai ragione è un virus. Ed è vero che non si finisce mai d'imparare. L'eternità non basterebbe.

snevolo
Messaggi: 3159
Iscritto il: 23 dic 2009, 0:52

Messaggioda snevolo » 20 gen 2011, 15:31

C'erano alcuni che avevano lampade frontali del diametro d'una spanna e che facevano luce come un faro d'uno stadio. Forse di derivazione scialpinistica?

rosqua
Messaggi: 2287
Iscritto il: 26 nov 2010, 11:31

Messaggioda rosqua » 20 gen 2011, 15:40

e bravo snevolo...il primo racocnto per il libro collettivo dei forumisti ce l'abbiamo! accidenti mentre leggevo sembrava un thriller <img src=faccine/2.gif border=0 align=middle>

a qualunque cosa sia dovuto il risultato - la presenza della premurosa consorte, il valore aggiunto delle scandinave, le porcherie doping o semplice bravura - complimenti davvero!! cioè non so quale è lo standard del forum ma poco più di un'ora per 20 km a me sembra un tempo da campioni...

migly
Messaggi: 1525
Iscritto il: 25 dic 2004, 11:53

Messaggioda migly » 21 gen 2011, 9:48

Migly è sopravvissuto alla 36 km, e la cosa non era per niente scontata.

Temevo il tempo limite (3h30'), speravo di riuscire a scendere sotto le 3 ore. Ho chiuso in 3h06' quindi tutto sommato in linea con le aspettative della vigilia.

Nonostante questo, "agonisticamente" non posso dire di essere soddisfatto: Partenza difficile, gli sci non tengono e non scivolano, risultato i primi 15 km pianeggianti per me sono interamente in salita, con il ricorso continuo al passo alternato ed un consumo energetico e soprattutto un utilizzo delle braccia decisamente superiore a quanto preventivato. Il tutto condito da un grosso problema: una fitta lancinante al km 7 (grosso modo la stessa descritta da gg/Snevolo, è un dolore con il quale convivo da anni, non sono così convinto che sia il fegato ma può essere), che mi ha costretto a rallentare e poi a non forzare mai per tutto il resto della gara.
Ad inizio salita gli sci tenevano un po' meglio, ma le braccia ormai avevano finito di lavorare (mentre contavo di preservarle proprio per gli ultimi 15 km). Sono arrivato in fondo con gran fatica solo per il gusto di finire, senza più alcuna ambizione (con l'unico obiettivo di non arrivare ultimo, obiettivo raggiunto arrivando ben penultimo, con alle spalle un eroico finandese sessantacinquenne).
Curiosi, i dolori alle spalle ed alla cervicale (mai avuti prima sciando), dovuti credo a movimenti innaturali del collo per orientare la torcia frontale.

Da un punto di vista panoramico/turistico/esperienziale la gara è stata MERAVIGLIOSA: sciare al chiaro di luna sull'Altipiano non ha prezzo, i volontari che aspettano ed incitano tutti i concorrenti (anche gli ultimi!) lungo la pista sono commoventi, l'ambiente - come sempre in queste gare - bellissimo.

Ho già segnato in agenda la data della prossima edizione (martedì 7 febbraio). Ci si vede la?

Ciao a tutti,

Mat.

www.migly.it

loris
Messaggi: 470
Iscritto il: 21 gen 2008, 11:45

Messaggioda loris » 21 gen 2011, 10:26

Bravi Migly e Snevolo! e grazie per i vostri resoconti/racconti. Snevolo vedo dalla classifica che hai un bel passo: 4 minuti dietro ad uno come Marco Selle non è proprio da tutti<img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle>

snevolo
Messaggi: 3159
Iscritto il: 23 dic 2009, 0:52

Messaggioda snevolo » 21 gen 2011, 11:03

[quote]
A vincere la gara sui 36 Km con il nuovo record del percosrso, lo svedese, già vincitore della Vasaloppet e della Marcialonga, Jerry Ahrlin.

Grande migly!!!! La colpa non è tua, ma di Jerry Ahrlin. Grazie a te, quest'anno soddisfatto d'averti battuto, lascierà vincere alla marcialonga il gruppo dei nostri forumisti.

Ho riso molto quando hai detto: "l'unico obiettivo di non arrivare ultimo, obiettivo raggiunto arrivando ben penultimo, con alle spalle un eroico finandese sessantacinquenne".
Saper ridere di se stessi è importante.
Comunque puoi sempre dire d'essere arrivato 50° nella 36 Km. mentre snevolo 51° nella 20 Km.
Non è che per battermi, hai pagato il giudice che mi voleva far fare un giro in più?
Mi ha fatto perdere 1 minuto facendomi superare da quei 5 che ero riuscito a superare alla fine.
Ero sicuro d'aver finito, perchè quando ero già passato di lì per il 1°giro e tutti mi applaudivano, ho salutato la folla con un gesto tra un misto di Artur Fonzarelli e il Papa... provocando una standing-ovation.
Alla fine chi se ne importa... anzi, fra 10 anni non mi ricorderò che posizione e che tempo avevo fatto... ma del giudice che all'arrivo mi ha fermato. Tutto molto fantozziano.

Apriremo il club delle fitte lancinanti... ma almeno io avevo la medicina... il culetto d'oro che scorrendo la classifica femminile ho individuato ricordando il numero. Solo pura curiosità, sia ben chiaro.

Dai commenti prevale l'opinione che dipende dal non essere abituati al ritmo gara e che i nostri allenamenti siano più sulla quantità che intensità.
FORSE saremo più pronti per una marcialonga di 70 Km. a ritmi normali, che su una più breve, ma intensa.








Scritto Da - gg/snevolo on 21/01/2011 10:07:29

snevolo
Messaggi: 3159
Iscritto il: 23 dic 2009, 0:52

Messaggioda snevolo » 21 gen 2011, 11:17

Che tristezza per il futuro, vedere tra le donne, 26 iscritte nella 20 Km. e solo 5 nella 36 Km.
Se mi travestivo da donna, nella 36 Km. magari arrivavo 6° <img src=faccine/3.gif border=0 align=middle>

snevolo
Messaggi: 3159
Iscritto il: 23 dic 2009, 0:52

Messaggioda snevolo » 21 gen 2011, 11:25

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Bravi Migly e Snevolo! e grazie per i vostri resoconti/racconti. Snevolo vedo dalla classifica che hai un bel passo: 4 minuti dietro ad uno come Marco Selle non è proprio da tutti<img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle>


<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Avrà avuto anche lui le sue punte, forse più di una. <img src=faccine/7.gif border=0 align=middle>

rosqua
Messaggi: 2287
Iscritto il: 26 nov 2010, 11:31

Messaggioda rosqua » 21 gen 2011, 12:50

tanti complimenti anche a Migly!

vero che in generale ci sono poche donne, soprattuto italiane, in queste gare, è solo perché la gente non sa che le fondiste hanno i sederi più belli e i podisti/fondisti le cosce più belle <img src=faccine/5.gif border=0 align=middle>

snevolo
Messaggi: 3159
Iscritto il: 23 dic 2009, 0:52

Messaggioda snevolo » 21 gen 2011, 13:35

Non credo che avrò mai il "ritmo gara"...
un pò per l'età, gli impegni, ma specialmente perchè scio per divertirmi, scaricarmi, fare esercizio... guardare il panorama, scattare una foto.
Perfino in gara, una volta mi sono fermato ad ammirare il panorama e 2 volte a scattare una foto. <img src=faccine/4.gif border=0 align=middle>

migly
Messaggi: 1525
Iscritto il: 25 dic 2004, 11:53

Messaggioda migly » 13 dic 2012, 16:56

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
[quote]
A vincere la gara sui 36 Km con il nuovo record del percosrso, lo svedese, già vincitore della Vasaloppet e della Marcialonga, Jerry Ahrlin.

Grande migly!!!! La colpa non è tua, ma di Jerry Ahrlin. Grazie a te, quest'anno soddisfatto d'averti battuto, lascierà vincere alla marcialonga il gruppo dei nostri forumisti.

Ho riso molto quando hai detto: "l'unico obiettivo di non arrivare ultimo, obiettivo raggiunto arrivando ben penultimo, con alle spalle un eroico finandese sessantacinquenne".
Saper ridere di se stessi è importante.
Comunque puoi sempre dire d'essere arrivato 50° nella 36 Km. mentre snevolo 51° nella 20 Km.
Non è che per battermi, hai pagato il giudice che mi voleva far fare un giro in più?
Mi ha fatto perdere 1 minuto facendomi superare da quei 5 che ero riuscito a superare alla fine.
Ero sicuro d'aver finito, perchè quando ero già passato di lì per il 1°giro e tutti mi applaudivano, ho salutato la folla con un gesto tra un misto di Artur Fonzarelli e il Papa... provocando una standing-ovation.
Alla fine chi se ne importa... anzi, fra 10 anni non mi ricorderò che posizione e che tempo avevo fatto... ma del giudice che all'arrivo mi ha fermato. Tutto molto fantozziano.

Apriremo il club delle fitte lancinanti... ma almeno io avevo la medicina... il culetto d'oro che scorrendo la classifica femminile ho individuato ricordando il numero. Solo pura curiosità, sia ben chiaro.

Dai commenti prevale l'opinione che dipende dal non essere abituati al ritmo gara e che i nostri allenamenti siano più sulla quantità che intensità.
FORSE saremo più pronti per una marcialonga di 70 Km. a ritmi normali, che su una più breve, ma intensa.








Scritto Da - gg/snevolo on 21/01/2011 10:07:29
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>
Rileggo oggi per caso questa discussione. Se la diagnosi sulle "punte" di tua moglie (e non ricordo quale altro iscritto al forum) fosse corretta avrei di che disperarmi (e anche da dirne due a parecchi medici...): io per quel problema ho dovuto - a 18 anni - abbandonare ogni velleità di carriera agonistica (ciclismo) e da allora ci convivo... E magari era sufficiente cambiare il modo di allenarsi!
Però la mia fitta, dopo la fase acuta (che ora ho imparato ad evitare sentendola arrivare e rallentando per tempo il ritmo) perdurava in modo meno forte per alcuni giorni, impedendomi di fatto di allenarmi (a volte anche per settimane, perdendo quasi del tutto la condizione). Per questo avevamo escluso il fegato ed ipotizzato problemi di tipo muscolare/cartilagineo, mai però individuati con precisione. Intercostali si pensava, che si infiammavano per una qualche ragione.
Qualcuno ha qualcosa da dire?

(eventualmente con un po' di copia e incolla si potrebbe spostare in una discussione a parte, io mi connetto con l'ipad e non credo di essere in grado di farlo...)

Mat.

www.migly.it


Torna a “Moonlight Classic Marathon”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite