Davos


ceszij
Messaggi: 1561
Iscritto il: 17 gen 2009, 19:49

Messaggioda ceszij » 9 mar 2014, 13:35

Il giorno 8.3.2014 ci siamo recati per la tradizionale sciata annuale a Davos, località seconda solo all'Engadina nel paese rossocrociato per quanto riguarda lo sci di fondo, dal momento che dispone di circa un centinaio di km di piste ottimamente battute, adatte ad ogni livello:

http://www.davos.ch/fileadmin/user_upload/DavosKlosters/Dokumente/Karten_Plaene/WinterkarteWandernLoipen.pdf

Caratteristica di Davos è che alcune piste sono riservate esclusivamente alla tecnica classica (Wolfgang, alta Sertig, Islen facile), che tutte le piste sono GRATUITE e molto ben tenute, e che, incredibile, i pedoni le rispettano!

Qua trovate le condizioni delle piste:

http://www.davos.ch/erleben/winter/langlauf/loipenbericht.html

Tendenzialmente reputo che le più belle paesaggisticamente siano la pista Sertig (simile alla val Fex in Engadina) e la Wolfgang, entrambe da tecnica classica solamente, mentre le più divertenti ritengo siano la Wolfgang e la Fluela (dove si disputano ogni anno le gare di coppa del mondo di sci nordico). I ripidi saliscendi della Fluela, se presi in velocità, sono divertimento allo stato puro (consiglio di farla in skating)!
L'innevamento è quasi sempre ottimo: le piste che più resistono fino a tarda stagione (marzo-aprile) sono la Fluela (ombrosa) e la Sertig (per la quota), mentre la prima a mollare è sempre la Wolfgang (che consiglio di fare tra dicembre e febbraio!) e qualche pista della valle principale.

In quest'ultima occasione, durante il viaggio abbiamo osservato l'impressionante quantità di neve presente a S.Bernardino (>2m) e Spluegen (>1,5); verso Davos invece situazione più compromessa. Nonostante il sito reciti 70-140, in realtà il manto nevoso è molto eroso nelle parti più assolate, dove addirittura scompare talvolta, mentre supera il mezzo metro nelle zone in ombra.

Piste comunque molto ben battute e gratuite (come sempre: da questo punto Davos è sempre unica!), ma neve veramente molto variabile (scioltissima al sole, ghiacciata e primaverile dove alterna ombra e sole, compatta-farinosa dove è sempre all'ombra), creando molti grattacapi a chi va di classico...pertanto dopo le invettive di Sciolina, non portiamo a termine la bellissima pista Wolfgang, resa complicata dalle condizioni suddette, e ci facciamo le piste (per la prima volta) della valle principale, costantemente assolate e quindi caratterizzate da neve primaverile.

Onestamente ne rimango gratamente sorpreso: al di là della splendida Wolfgang, se le valli laterali risultano ambientalmente decisamente di un altro livello (Fluela, Dischma, Sertig), e anche come innevamento molto più adeguate, la valle principale offre in ambiente urbano e semi-urbano sia una pista facile pianeggiante che una pista mossa di livello medio, che avvolgono la città e le varie frazioni presenti verso ovest. Molti posti avrebbero generato due serie di anelli distinti a est e ovest della città, mentre qui si vede che esiste una cultura storica del fondo, che piuttosto attraversa le vie della città e serpeggia tra vari edifici piuttosto che spezzarsi in due: grandi!

Alla fine abbiamo percorso ca. 23 km per noi nuovi tra boschi, pratoni e zone urbane-semiurbane; il tutto è stato condito da un fantastico successivo relax al centro benessere Eu-la-là, sempre pulitissimo e tranquillo...peccato aver bucato una preziosissima gomma invernale durante l'andata, ma per fortuna il cambio gomme non è stato impegnativo con le ottime dotazioni della macchina seminuova!

Le valli laterali dovrebbero reggere tranquillamente fino a fine marzo, per le altre piste vedo una chiusura leggermente anticipata, stupenda Wolfgang in primis...

Scritto Da - ceszij il 09/03/2014alle ore 12:52:21

migly
Messaggi: 1534
Iscritto il: 25 dic 2004, 11:53

Re: Davos

Messaggioda migly » 25 nov 2016, 10:18

Ci siamo stati ieri per una "follia infrasettimanale".
Da Como sono esattamente 200 km, ci vogliono 3 ore traffico permettendo. Folle ma affrontabile per un'uscita in giornata.

Al momento ci sono circa 3-4 km in zona "Fluela", quella dove usano la neve dello snow-farming. Lo strato di neve è bello spesso, purtroppo molto sporcato da tanti aghi di pino; non andando sotto zero da giorni non hanno potuto ribatterla, migliorerà appena le temperature calano.
Inoltre, c'è un altro anello di 2 km scarsi in centro paese, in zona "pista notturna". Qui la neve (sparata) è poca, ma più che sufficiente per sciare con soddisfazione sia in classico che in skating.
In entrambe le località ci sono bei mucchi di neve pronta, strisce di neve già posizionate quasi pronte per l'apertura, cannoni sparaneve posizionati: i percorsi saranno certamente allungati non appena le temperature torneranno sotto lo zero, indipendentemente dalla presenza di precipitazioni.

Molto bello l'ambiente, sicuramente ci tornerò - magari quando ci sarà un po' più di neve...

ceszij
Messaggi: 1561
Iscritto il: 17 gen 2009, 19:49

Re: Davos

Messaggioda ceszij » 25 nov 2016, 14:54

Fluela la più tecnica, Wolfgang la più divertente (solo classico), Sertig la più grandiosa (parte alta solo classico)...da provare assolutamente, meritano!

ceszij
Messaggi: 1561
Iscritto il: 17 gen 2009, 19:49

Re: Davos

Messaggioda ceszij » 13 mar 2017, 11:22

11.3.2017

Temperatura tra 1 e 6 gradi, neve abbondante (70-100 cm) farinosa-compatta nelle zone più ombrose (tracce di neve ancora sugli alberi data la recente nevicata), compatta trasformatasi sul tardi in primaverile nelle zone assolate.

Piste tutte aperte e battitura eccellente, binari impeccabili in tutte le zone e pista skating stile "tavolo da biliardo".

La pista non ha mai "mollato", neanche a tardo pomeriggio (sciato tra le 13.30 e le 17.30). Condizioni dunque sorprendenti visto il caldo del periodo...

Qua le foto della pista:

https://goo.gl/photos/V3YsNS33H8DJrMpB8

Come sempre, relax serale al centro Eau-là-là dopo la rilassante sciata (con soste "tattiche" lungo le panchine più soleggiate e panoramiche della pista Wolfgang, la mia preferita!). Abbiamo chiuso il centro alle h22, per un notturno rientro, rilassante e panoramico con le valli e cime innevate illuminate dalla luce di una luna piena che mi ero goduto dalla jacuzzi sul tetto del centro, godendo dello spettacolo della luce argentea riflessa su dirupi e alture....

Come sempre, tiro le somme: Davos è una meta "al limite" per una a-r in giornata, anche per noi fondisti-girovaghi. Sono 2h30 circa da Como.

Per chi pensa che la Svizzera sia sempre cara, due numeri: viaggio ca. 45-50 eur di carburante, piste di fondo egregiamente battute GRATIS (sempre), parcheggio 4 sfr per 4 h.
Terme super rilassanti senza ressa (piscine + ampia zona saune), senza limite di tempo, 23 eur persona (trovarli sti prezzi nei centri benessere nostrani! Pensate a Bormio terme, Pre Saint Didier o Premia!).
Bollino svizzero per noi ampiamente ammortizzato da almeno 10-15 "capatine" elvetiche annuali (40 eur/anno), ca.3-4 eur ad escursione.

Morale: per chi abita a MI-CO-VA, la Svizzera rimane la soluzione più economica e senza stress di traffico!

Non sto neanche ad annoiarvi nel valutare cosa si spenda per andare in VDA o Veneto-Trentino e fare una giornata tipo quella di sabato...per andare in Val Ferret mi sarei pagato solo i caselli autostradali con quei soldi!

:banned: :banned:

Genky
Messaggi: 1419
Iscritto il: 5 dic 2007, 10:18

Re: Davos

Messaggioda Genky » 13 mar 2017, 13:22

ceszij ha scritto:11.3.2017

Temperatura tra 1 e 6 gradi, neve abbondante (70-100 cm) farinosa-compatta nelle zone più ombrose (tracce di neve ancora sugli alberi data la recente nevicata), compatta trasformatasi sul tardi in primaverile nelle zone assolate.

Piste tutte aperte e battitura eccellente, binari impeccabili in tutte le zone e pista skating stile "tavolo da biliardo".

La pista non ha mai "mollato", neanche a tardo pomeriggio (sciato tra le 13.30 e le 17.30). Condizioni dunque sorprendenti visto il caldo del periodo...

Qua le foto della pista:

https://goo.gl/photos/V3YsNS33H8DJrMpB8

Come sempre, relax serale al centro Eau-là-là dopo la rilassante sciata (con soste "tattiche" lungo le panchine più soleggiate e panoramiche della pista Wolfgang, la mia preferita!). Abbiamo chiuso il centro alle h22, per un notturno rientro, rilassante e panoramico con le valli e cime innevate illuminate dalla luce di una luna piena che mi ero goduto dalla jacuzzi sul tetto del centro, godendo dello spettacolo della luce argentea riflessa su dirupi e alture....

Come sempre, tiro le somme: Davos è una meta "al limite" per una a-r in giornata, anche per noi fondisti-girovaghi. Sono 2h30 circa da Como.

Per chi pensa che la Svizzera sia sempre cara, due numeri: viaggio ca. 45-50 eur di carburante, piste di fondo egregiamente battute GRATIS (sempre), parcheggio 4 sfr per 4 h.
Terme super rilassanti senza ressa (piscine + ampia zona saune), senza limite di tempo, 23 eur persona (trovarli sti prezzi nei centri benessere nostrani! Pensate a Bormio terme, Pre Saint Didier o Premia!).
Bollino svizzero per noi ampiamente ammortizzato da almeno 10-15 "capatine" elvetiche annuali (40 eur/anno), ca.3-4 eur ad escursione.

Morale: per chi abita a MI-CO-VA, la Svizzera rimane la soluzione più economica e senza stress di traffico!

Non sto neanche ad annoiarvi nel valutare cosa si spenda per andare in VDA o Veneto-Trentino e fare una giornata tipo quella di sabato...per andare in Val Ferret mi sarei pagato solo i caselli autostradali con quei soldi!

:banned: :banned:

Tutto molto bello come diceva Pizzul.
Se proprio vogliamo fare i conti con l'oste, dovresti aggiungere anche il costo Milano/ confine.
Che non è per niente regalato.
Gianfranco.

Solo nel vocabolario, successo viene prima di sudore! V.Sassoon

ceszij
Messaggi: 1561
Iscritto il: 17 gen 2009, 19:49

Re: Davos

Messaggioda ceszij » 16 mar 2017, 20:26

Io abito a 20 km dal confine... Quindi posso anche spendere zero! A parte gli scherzi é vero, fino mornasco son 2,5 eur mi pare. Lainate forse meno.
Resta il fatto che in quanto a ladraggine le autostrade Valdostane sono top!

luca72comasina
Messaggi: 1223
Iscritto il: 16 feb 2007, 14:36

Re: Davos

Messaggioda luca72comasina » 16 mar 2017, 20:47

Anche secondo me la CH è un'ottima scelta, poi il viaggio sulle autostrade CH è meno stressante. Per me da Lodi, Davos è troppo lontana, mi posso limitare a S.Be, Splugen, Campra (ma ci vado di rado perché non è una delle mie preferite), amavo Bedretto , posto e panorami bellissimi, una S.Be in miniatura ma l'ho cancellata dalle mete causa battitura modesta e difficolta' logistica (la pista parte in un posto ma il biglietto lo devi fare a 1,8km di distanza).
Non intendo farmi complice dei furti A5 (ma anche A4 Milano-Torino), alla fine è colpevole del furto non solo chi ruba, ma anche chi si fa derubare scientemente (33 euro Mi-Courmayeur). La VdA l'ho cancellata dalle mie mete.

cactaceo
Messaggi: 2061
Iscritto il: 17 gen 2007, 18:52

Re: Davos

Messaggioda cactaceo » 16 mar 2017, 21:15

A Davos ci ho sciato un paio di volte, devo dire che le piste non mi hanno esaltato + di tanto, anzi preferisco di gran lunga Klosters,
sempre stessa area ma a 4/5km di distanza.
Tra l'altro x sciare nella zona non devo neanche fare autostrade, volendo da Zernez c'è treno x macchine, oppure facendo lo Julier in 2.30 a Davos ci arrivo. Ma prima di arrivare a Davos, passo da Engadina, Bivio e volendo Lenzerheide. Tutti bei posti che sono + vicini.
E cmq quest'anno x Me stagione chiusa quindi ci ripenserò l'anno prox

gigione
Messaggi: 1955
Iscritto il: 27 feb 2008, 22:06

Davos

Messaggioda gigione » 17 mar 2017, 23:55

ehhhgià, proprio vero che ognuno ha il proprio modo di vedere le cose.
3 ore per andare a Davos sono esattamente uguali al tempo che ci vuole per raggiungere Cogne Rhemes o Pont se per sfuggire al ladrocinio della A5 ti metti a fare la SS26 Cesarino bello (se non credi a me, tu che sei minuzioso ed analitico, fai il confronto dei costi su viaMichelin) solo che per la destinazione elvetica 3 ore di macchina te le subisci, per andare nella vallate Valdostane no: che bella la natura umana, così varia e diversa.
sarà comunque vero che per sciare in giornata la svissera sarà più conveniente (riferendo tutto il discorso a chi, come dici tu, abita a MI) ma se ci metti un paio di giorni come faccio di solito io credo che le cose cambino radicalmente. non credo che in krukkolandia spendi per una notte in mezza pensione con pasti abbondanti i 55 bevande incluse che lascio a Cogne. mai dormito in CH da turista ma quando ci andavo per lavoro ricordo conti di albergo indegni come e più del furto della A5 (che con un po' di pazienza si evita allegramente) e io lavoro per una multinazionale famosa per andare al risparmio. Ergo ad esser soliti di fare un paio di giorni consecutivi dormendo e mangiando fuori la differenza sul costo di vitto-alloggio moltiplicato per il numero di puntate annuali o mensili ripaga come minimo una decina di bolli svizzeri. al cambiare delle esigenze e dei modi di vedere i risultati sono completamente diversi . . ... :wink:
la SS26 poi è bellissima e ben tenuta con panorami notevoli e, sempre con la dovuta pazienza, raggiungi Courma a costo 0. e strada facendo ottimi punti di rifornimento di cibarie dalla qualità notevolissima. l' ultimo me l' ha fatto scoprire oggi il buon SenzaBenz, cantina fregiata dei 3 bicchieri del Gambero Rosso, nei pressi di Introd (ma naturalmente i vini svizzeri sono più famosi ed economici :biggrin: :biggrin: :biggrin: ) o la cantina sociale di Carema
senza considerare la macelleria dei Leoni a Quincinetto, quell' altra a pont san martin la Portè o la toma di Gressoney speciale che abbiamo trovato addirittura in un Carrefour, quello di Quart. quindi, e sempre riferendo il discorso a chi abita a MI dove i prezzi del cibo sono tra i più alti dì Italia, fare la statale valdostana ti da anche l' opportunità di risparmiare qualcosa approvvigionandoti da macellerie, salumerie e pizzicagnoli vari dove, fidati, la qualità delle vettovaglie è spesso introvabile in città. Vogliamo considerare anche questo di risparmio o ancora meglio il divario clamoroso nel famoso rapporto qualità prezzo?
ad andare a fondo nella questione scava di qua, ravana di là alla fine i costi siamo proprio sicuri che siano così diversi?
ad un Famoso Anziano Statistico l' ardua ricerca :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
buon divertimento a tutti!
gigio



Genky ha scritto:
ceszij ha scritto:11.3.2017

Temperatura tra 1 e 6 gradi, neve abbondante (70-100 cm) farinosa-compatta nelle zone più ombrose (tracce di neve ancora sugli alberi data la recente nevicata), compatta trasformatasi sul tardi in primaverile nelle zone assolate.

Piste tutte aperte e battitura eccellente, binari impeccabili in tutte le zone e pista skating stile "tavolo da biliardo".

La pista non ha mai "mollato", neanche a tardo pomeriggio (sciato tra le 13.30 e le 17.30). Condizioni dunque sorprendenti visto il caldo del periodo...

Qua le foto della pista:

https://goo.gl/photos/V3YsNS33H8DJrMpB8

Come sempre, relax serale al centro Eau-là-là dopo la rilassante sciata (con soste "tattiche" lungo le panchine più soleggiate e panoramiche della pista Wolfgang, la mia preferita!). Abbiamo chiuso il centro alle h22, per un notturno rientro, rilassante e panoramico con le valli e cime innevate illuminate dalla luce di una luna piena che mi ero goduto dalla jacuzzi sul tetto del centro, godendo dello spettacolo della luce argentea riflessa su dirupi e alture....

Come sempre, tiro le somme: Davos è una meta "al limite" per una a-r in giornata, anche per noi fondisti-girovaghi. Sono 2h30 circa da Como.

Per chi pensa che la Svizzera sia sempre cara, due numeri: viaggio ca. 45-50 eur di carburante, piste di fondo egregiamente battute GRATIS (sempre), parcheggio 4 sfr per 4 h.
Terme super rilassanti senza ressa (piscine + ampia zona saune), senza limite di tempo, 23 eur persona (trovarli sti prezzi nei centri benessere nostrani! Pensate a Bormio terme, Pre Saint Didier o Premia!).
Bollino svizzero per noi ampiamente ammortizzato da almeno 10-15 "capatine" elvetiche annuali (40 eur/anno), ca.3-4 eur ad escursione.

Morale: per chi abita a MI-CO-VA, la Svizzera rimane la soluzione più economica e senza stress di traffico!

Non sto neanche ad annoiarvi nel valutare cosa si spenda per andare in VDA o Veneto-Trentino e fare una giornata tipo quella di sabato...per andare in Val Ferret mi sarei pagato solo i caselli autostradali con quei soldi!

:banned: :banned:

Tutto molto bello come diceva Pizzul.
Se proprio vogliamo fare i conti con l'oste, dovresti aggiungere anche il costo Milano/ confine.
Che non è per niente regalato.

senzabenza
Messaggi: 482
Iscritto il: 29 gen 2012, 23:33

Re: Davos

Messaggioda senzabenza » 18 mar 2017, 11:47

Comunque è carissima anche la milano torino,, ci vogliono quasi 30 euro per andata e rItorno fino all'ingresso della val d'aosta. È un costo oggettivamente esagerato, per le sciate in giornata low coast.....svizzera tutta la vita, naturalmente senza toccare nulla a parte il biglietto della posta

senzabenza
Messaggi: 482
Iscritto il: 29 gen 2012, 23:33

Re: Davos

Messaggioda senzabenza » 18 mar 2017, 11:52

Comunque è carissima anche la milano torino,, ci vogliono quasi 30 euro per andata e rItorno fino all'ingresso della val d'aosta. È un costo oggettivamente esagerato, per le sciate in giornata low coast.....svizzera tutta la vita, naturalmente senza toccare nulla a parte il biglietto della pista

luca72comasina
Messaggi: 1223
Iscritto il: 16 feb 2007, 14:36

Re: Davos

Messaggioda luca72comasina » 18 mar 2017, 13:27

Io condivido Senzabenza, mille volte meglio il bollino CH che immettersi sull'A4 in direzione ovest, poi francamente io non sono un patito del cibo (cerco di mangiare il meno e il piu' leggero possibile spendendo il meno possibile) e sinceramente non vado in cerca di negozi di cibarie quando vado a sciare.Ognuno la pensa a modo suo. Poi la Svizzera a me piace, l'ho girata quasi tutta (piu' di molti svizzeri che ho conosciuto) ed anche per questo secondo me S.Bernardino è il piu' bel posto della galassia per lo sci di fondo. Ultima nota: in CH è difficile trovare gente a piedi che calpesta le piste.

ceszij
Messaggi: 1561
Iscritto il: 17 gen 2009, 19:49

Re: Davos

Messaggioda ceszij » 18 mar 2017, 15:30

Beh il costo della vita, caro Gigio, è chiaramente sbilanciato: la Svizzera è inequivocabilmente cara. Però ad esempio sui centri benessere è esattamente il contrario.
Per me non subire il salasso e le code in autostrada fanno la differenza; abitando a 20-30' dalla suissera poi, diventa inevitabilmente la meta ideale.
Non ultimo ciò che dice Luca: in linea generale al di là del confine possiedono un senso civico più sviluppato e le piste sono messe meglio.

Per tutto il resto concordo con te!


Torna a “Svizzera”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti