tecnica skating


albyerto
Messaggi: 630
Iscritto il: 26 gen 2009, 18:54

Messaggioda albyerto » 17 mar 2013, 12:16

Da quest'anno ho cominciato con la tecnica skating, dopo aver passato 3 anni con la tecnica classica. Ho iniziato a Dobbiaco con un maestro (3 lezioni). È stato amore a prima vista, il pattinato mi piace veramente molto. Ma devo ammettere che le difficoltà non mancano, anzi. Vorrei sottoporvi qualche quesito, nella speranza che possiate darmi qualche buon consiglio. Premetto che, come detto, ho preso 3 lezioni e in totale fino a questo momento ho praticato tale tecnica solo 8 volte (comprese le 3 lezioni), 6 volte a Dobbiaco/Val Casies e 2 volte a casa mia (appennino tosco-emiliano). A Dobbiaco/Val Casies (piste prevalentemente pianeggianti) divertimento assoluto, sebbene non senza difficoltà. In appennino (piste assolutamente non pianeggianti) invece divertimento zero, una gran fatica ed evidenti problemi tecnici (non credo fisici onestamente). In appennino ho accusato dolori ai piedi non avvertiti a Dobbiaco. La causa? Le continue e ripetute salite e una tecnica sicuramente non appropriata. Vedo passare sciatori anche attempati (donne comprese) ma che salgono con apparente tranquillità e io sono lì che schianto, con i piedi che dopo un'ora mi prendono fuoco (soprattutto nella zona del malleolo). La domanda è: ma qual'è la giusta tecnica per le salite? Lo sci nelle salite deve o non deve essere posto sullo spigolo interno? Può darsi che il dolore ai piedi (zona malleolo) derivi dall'uso eccessivo (e magari sbagliato) dello spigolo interno? Sul piano vado abbastanza bene, ma nelle salite trovo enormi difficoltà. Faccio una fatica tremenda e per niente (mi muovo pianissimo e dopo poco devo fermarmi). Quali sono gli accorgimenti per fare le salite al meglio? Lo sci deve essere mantenuto piatto anche in salita? A me non interessano le prestazioni, mi basterebbe andare avanti anche piano ma senza soffrire e disperdere inutilmente energie in questo modo. Grazie per le risposte.


********
Qui c'è un bel tutorial.

http://www.youtube.com/watch?v=_ay6T0SESKk

no, lo sci non va poggiato sullo spigolo interno. Deve esser poggiato in modo che scorra il più possibile, vale a dire piatto, e solo nel momento di spinta va inclinato e messo di spigolo.
Una cosa che aiuta è andar senza bastoni. Se non fai il movimento giusto semplicemente non sali. E' un esercizio piuttosto difficile ma utilissimo.
se riesci a salire senza aiutarti con le braccia significa che s'è imboccato la strada verso una pattinata corretta.
Arrivar a percorrerla tutta, ahi noi, è un altro discorso (imparando da adulti penso impossibile), ma per divertirsi va più che bene!

Vegeta
Messaggi: 659
Iscritto il: 8 set 2011, 21:45

Messaggioda Vegeta » 17 mar 2013, 15:56

argomento che mi riguarda molto da vicino

Quest'anno, dopo che ho sciato da autodidatta x un paio di anni, ho preso un maestro, e x prima cosa abbiamo sistemato (che comunque non si riesce mai a sistemare del tutto) il passo di salita.
avevo anche io il problema che arrivavo morto in cima alla salita, xchè dispersivo e sprecone.
il segreto sta nella compostezza.
lo sci tenuto sempre di spigolo fa saltare fuori male da tutte le parti, lo sci lo si appoggia piatto e si cerca di farlo scorrere, ovviamente più è ripida la salita meno strada fa.
poi in maniera dinamica si spinge sullo spigolo e si "salta" sull'altro
Importante è il bacino che "ruota" da un lato all'altro.

Assolutamente concordo con Albyerto che l'esercizio senza bastoncini è ottimo cominciando da pendenze moderate e poi salendo, e buono anche il filmato consigliato.
Io ti consiglio però di guardare e prendere esempio la sciatrice n. 2 molto composta e parsimoniosa (come consumo di energie) mentre lo sciatore n. 1 mi risulta molto iruento e sprecone.

Poi probabilmente se prendi il maestro e impieghi la lezione specifica su questo ne beneficerai


Scritto Da - vegeta on 17/03/2013 15:11:25

pacopyc
Messaggi: 20
Iscritto il: 1 dic 2012, 22:43

Messaggioda pacopyc » 17 mar 2013, 16:38

Vi ringrazio per le risposte. Ma anche con salite molto ripide si deve poggiare lo sci piatto? Non è che questo tenderà a scivolare sull'esterno facendo perdere l'equilibrio?

berthoh
Messaggi: 274
Iscritto il: 9 mar 2012, 0:12

Messaggioda berthoh » 18 mar 2013, 0:16

+ che la pendenza a farmi andare di spigolo è la neve molle e/o l'affaticamento

cmq è un errore normale perchè viene istintivo, un po' alla volta sulle salite meno ripide sali correttamentente e quindi ti verrà naturale sempre

il problema è che se non si è ragazzini si pensa troppo

senzabenza
Messaggi: 506
Iscritto il: 29 gen 2012, 23:33

Messaggioda senzabenza » 18 mar 2013, 10:46

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>

il problema è che se non si è ragazzini si pensa troppo

<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Acutissima osservazione che condivido appieno, come spesso capita quello che vale nello sci di fondo vale anche nella vita.
Vuol dire che chi scia bene vive bene? Chi scia male come vive?<img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle>

Vegeta
Messaggi: 659
Iscritto il: 8 set 2011, 21:45

Messaggioda Vegeta » 18 mar 2013, 11:02

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>

il problema è che se non si è ragazzini si pensa troppo

<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Acutissima osservazione che condivido appieno, come spesso capita quello che vale nello sci di fondo vale anche nella vita.
Vuol dire che chi scia bene vive bene? Chi scia male come vive?<img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle>


<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Non saprei rispondere a questa domanda.

Ma se guardo il mio stato d'amino quando scio posso dire: "chi scia vive bene"

Detto da uno che proprio bene non scia!!!

gigione
Messaggi: 2056
Iscritto il: 27 feb 2008, 22:06

Messaggioda gigione » 18 mar 2013, 12:09

io posso condividere un insegnamento che mi ha fatto il grande Pedro. in un' uscita assieme si è accorto che facevo una fatica scriteriata in salita, saltellando troppo velocemente da uno sci all' altro; s'è preso la briga di osservarmi per bene ed alla fine ha sentenziato:
'abbassa il c..o (abbassi di conseguenza il baricentro e la stabilità migliora)'
' sforzati di continuare a pattinare, quindi cerca di avvicinare di più le caviglie l' una alla' altra in fase di richiamo dello sci'
'mantieni sempre e comunque una postura eretta, dritto e guarda avanti'

aveva immensamente ragione, da allora mi sforzo di ricordarmi quello che mi ha insegnato e devo dire che, anche se sempre un segone, il mio rendimento in salita è migliorato notevolmente e soprattutto non faccio una fatica bestia inutile.
in aggiunta ripeto quello che tutti gli altri ti hanno detto, prova a salire senza bastoncini ma avendo cura di abbassare il corpo, avvicinare le caviglie e stare per quanto possibile dritto.

dovresti notare che è più redditizio
ciao gigio

"meglio tacere e dare l' impressione di essere scemi che parlare e togliere ogni dubbio''..

Gianni54
Messaggi: 167
Iscritto il: 15 feb 2011, 14:25

Messaggioda Gianni54 » 18 mar 2013, 12:11

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>

Acutissima osservazione che condivido appieno, come spesso capita quello che vale nello sci di fondo vale anche nella vita.
Vuol dire che chi scia bene vive bene? Chi scia male come vive?<img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle>


<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Condivido. Ma in questo caso sciare "bene" non si riferisce allo stile, ma allo spirito. Sciare bene, con entusiasmo e serenità, senza invidia per i più bravi, senza disprezzo per chi va più piano, senza fastidio o prevaricazione, ma con quella disponibilità verso gli altri sciatori che sulle piste di fondo non manca mai (o quasi). In effetti, fateci caso, tutti coloro che praticano questo sport hanno una cosa in comune: sono allegri, contenti, sorridono, almeno mentre sciano.
Ecco, se riusciamo a conservare questo spirito e quel sorriso, se non dimentichiamo in montagna il buonumore, la solidarietà, lo spirito di sacrificio, la voglia di migliorare, il coraggio di affrontare le difficoltà, beh, credo che vivremmo tutti un po' meglio.

Ok, ok, sono andato OT. Perdonatemi


Gianni

pacopyc
Messaggi: 20
Iscritto il: 1 dic 2012, 22:43

Messaggioda pacopyc » 18 mar 2013, 14:25

Ho capito, mi sembra chiaro. Ma, scusate se insisto, in quali casi allora si deve poggiare lo sci sull'interno? Solo quando si procede, senza pattinare, a spina di pesce?

E che dire del poggiare lo sci sullo spigolo esterno? In quali casi lo si può (deve) fare? Ho visto recentemente un dvd di Chenetti che diceva che in alcuni casi lo sci può essere disposto sullo spigolo esterno, ma non ho capito quando lo si può (deve) fare. Qualche suggerimento?

Ancora grazie a tutti per la disponibilità.

P.S.: tranquilli, non voglio fare a meno di un maestro. Il prossimo anno mi rivolgerò nuovamente a un buon maestro per un altro paio di lezioni, ma per quest'anno vorrei sperimentare da solo (non credo abbia tanto senso prendere un maestro a fine stagione).

albyerto
Messaggi: 630
Iscritto il: 26 gen 2009, 18:54

Messaggioda albyerto » 18 mar 2013, 15:06

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Ho capito, mi sembra chiaro. Ma, scusate se insisto, in quali casi allora si deve poggiare lo sci sull'interno? Solo quando si procede, senza pattinare, a spina di pesce?

E che dire del poggiare lo sci sullo spigolo esterno? In quali casi lo si può (deve) fare? Ho visto recentemente un dvd di Chenetti che diceva che in alcuni casi lo sci può essere disposto sullo spigolo esterno, ma non ho capito quando lo si può (deve) fare. Qualche suggerimento?

Ancora grazie a tutti per la disponibilità.

P.S.: tranquilli, non voglio fare a meno di un maestro. Il prossimo anno mi rivolgerò nuovamente a un buon maestro per un altro paio di lezioni, ma per quest'anno vorrei sperimentare da solo (non credo abbia tanto senso prendere un maestro a fine stagione).


<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

In salita lo appoggi un poco sull'esterno solo se fai azione di 'rimonta', se metti il piede un poco più avanti rispetto alla linea del corpo. Fai conto che quest'azione è si redditizia in termini di velocità ma anche dispendiosa (occorre sforzo muscolare aggiuntivo per riuscir a far scorrer lo sci, tanto maggiore quanto più avanti lo appoggi).
L'appoggio 'esterno' è solo una conseguenza del richiamar il piede e poggiarlo avanti.

berthoh
Messaggi: 274
Iscritto il: 9 mar 2012, 0:12

Messaggioda berthoh » 18 mar 2013, 15:10

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>

il problema è che se non si è ragazzini si pensa troppo

<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Acutissima osservazione che condivido appieno, come spesso capita quello che vale nello sci di fondo vale anche nella vita.
Vuol dire che chi scia bene vive bene? Chi scia male come vive?<img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle>


<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

bella, in realtà pensavo al mio caso dove to li a pensare se sto troppo piegato sulle gambe, se non distendo bene, se sono con il baricentro indietro o avanti e scio male, poi do 30 minuti non ci penso e chi mi vede dice che a parte all'inizio scio benissimo...

questi movimenti vanno allenati nel tempo, non si fanno perchè stiamo li a pensare come farli

ottimo cmq sempre che qualcun'altro ci osservi, e, cosa che rimando sempre, filmarsi. Lo diceva anche roland clara commentando chi saliva verso santa maddalena alla casies, in 20 metri si vedeva come uno sciava

pacopyc
Messaggi: 20
Iscritto il: 1 dic 2012, 22:43

Messaggioda pacopyc » 18 mar 2013, 20:47

Cari amici, proprio ora ho spulciato il sito che ospita questo forum alla ricerca della descrizione della tecnica più opportuna.

Ebbene sono più confuso che mai. Sintetizzando per lo skating viene riportato quanto segue:

PATTINATO BASE -> Effettuate la spinta delle gambe con lo sci in movimento, disposto sullo spigolo interno....

DA NON FARE -> Appoggiare lo sci piatto senza disporlo sullo spigolo interno.

DA NON FARE -> Appoggiare lo sci divaricato, senza presa di spigolo (piatto).

Mi pare che tutti siate concordi nel disporre lo sci piatto, ma il sito stesso sembra contraddirvi.

Com'è la storia? Ora sì che sono confuso. Lo so, vi stresso ma .... non è colpa mia.

Avatar utente
giovanni
Messaggi: 411
Iscritto il: 3 lug 2001, 18:13

Messaggioda giovanni » 18 mar 2013, 22:08

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Cari amici, proprio ora ho spulciato il sito che ospita questo forum alla ricerca della descrizione della tecnica più opportuna.

Ebbene sono più confuso che mai. Sintetizzando per lo skating viene riportato quanto segue:

PATTINATO BASE -> Effettuate la spinta delle gambe con lo sci in movimento, disposto sullo spigolo interno....

DA NON FARE -> Appoggiare lo sci piatto senza disporlo sullo spigolo interno.

DA NON FARE -> Appoggiare lo sci divaricato, senza presa di spigolo (piatto).

Mi pare che tutti siate concordi nel disporre lo sci piatto, ma il sito stesso sembra contraddirvi.

Com'è la storia? Ora sì che sono confuso. Lo so, vi stresso ma .... non è colpa mia.
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Come ben hai visto si tratta del pattinaggio BASE!
Salendo di livello, il discorso cambia.

Purtroppo sono passati "alcuni" anni da quando ho pubblicato la scuola on-line e nel frattempo molte cose sono cambiate, ad esempio i LIVELLI ora vengono suddivisi diversamente.

Questo non vuol dire che quello che leggi è sbagliato, si riferisce effettivamente ad un livello abbastanza basso.

Mi rammarico per non essere riuscito ad aggiornare maggiormente l'argomento ma purtroppo non riesco ad arrivare ovunque..........

Ciao,
Giovanni<img src=faccine/7.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/3.gif border=0 align=middle>

albyerto
Messaggi: 630
Iscritto il: 26 gen 2009, 18:54

Messaggioda albyerto » 18 mar 2013, 22:09

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Cari amici, proprio ora ho spulciato il sito che ospita questo forum alla ricerca della descrizione della tecnica più opportuna.

Ebbene sono più confuso che mai. Sintetizzando per lo skating viene riportato quanto segue:

PATTINATO BASE -> Effettuate la spinta delle gambe con lo sci in movimento, disposto sullo spigolo interno....

DA NON FARE -> Appoggiare lo sci piatto senza disporlo sullo spigolo interno.

DA NON FARE -> Appoggiare lo sci divaricato, senza presa di spigolo (piatto).

Mi pare che tutti siate concordi nel disporre lo sci piatto, ma il sito stesso sembra contraddirvi.

Com'è la storia? Ora sì che sono confuso. Lo so, vi stresso ma .... non è colpa mia.


<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>
perchè sei già alla fase di spinta..
lo sci appoggia, piatto o eventualmente leggermente esterno.
Poi sta PIATTO per scivolare il più possibile.
Questa è la fase importante dove tutte le cose devono esser al loro posto.
Più si è 'sullo' sci, con i giusti pesi distribuiti più questa fase è lunga ed efficace. Ed è la fasa più difficile da mantenere perchè a causa di errori e scarso equilibrio si tende a scappar troppo in fretta dallo sci.
A questo punto, a scivolata terminata, si carica, lo sci inizia a far presa di spigolo e via con la spinta; che termina con l'appoggio dell'altro sci.

comunque è meglio provare. Provare, provare provare. E non aver paura a perder tempo a farlo senza bastoni.
te ne accorgi, quando inizi a viaggiare e a non star più fermo (perchè senza bastoni all'inizio è quello che succede) significa che si è fatto un passo avanti.
meglio non fossilizzarsi sulla teoria. Le parole scritte nei manuali si comprendon solamente nel momento che s'arriva al livello descritto. Prima son linguaggio oscuro.

albyerto
Messaggi: 630
Iscritto il: 26 gen 2009, 18:54

Messaggioda albyerto » 18 mar 2013, 22:15

Non avevo letto la risposta di giovanni.
E quando si parla di tecnica mi sento in 'colpa' solo a provar a scriver qualcosa..
Si cerca di non scriver castronerie, nel caso lo facessi è un piacere esser sbugiardati.
Perchè è chiaro che si scrive per confrontarsi e cercar di parlarne per aver conferme sul fatto d'aver afferrato i concetti.
lo so, non sempre si riesce, ma che volete, siam ragazzi .-))

pedroterzo
Messaggi: 3516
Iscritto il: 14 nov 2007, 15:27

Messaggioda pedroterzo » 18 mar 2013, 22:56

Vediamo se riesco a dirla giusta su questa storia dello sci piatto.

Mettere lo sci piatto non significa che la soletta debba essere parallela al terreno, ma che deve essere perpendicolare alla linea che proviene dal baricentro del corpo dello sciatore.

In pianura le due cose combaciano, per cui lo sci va giù piatto anche sul terreno. In salita no, perché il terreno è in pendenza. Per cui mettendo lo sci "piatto" sarà lo spigolo interno ad agganciare il terreno per primo e anche a far presa.

Ho ricavato questo da una cosa che ci ha detto ieri Giovanni, a proposito degli atleti che in pianura sembra che usino lo spigolo esterno, quando spingono molto forte. Giovanni ci ha fatto notare che anche in quel caso é il loro baricentro a muoversi verso l'esterno, per cui lo sci é sempre piatto, nel senso che dicevo prima.

Se tanto mi da tanto questo ragionamento dovrebbe essere applicabile anche alla salita.

Ovviamente attendo il parere dell'autorità !

<b>Pedroterzo</b>
<i>"Pedro Terzo Garcia aveva vissuto schivando i tranelli della vita abitudinaria, libero e povero come un trovatore errante (..)
permettendosi il lusso della tenerezza, del candore, dello sperpero e della siesta.." (Is. Allende)</i>

Scritto Da - pedroterzo on 18/03/2013 22:47:21


Torna a “Allenamento: metodi, consigli ed esperienze varie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti